menù

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri con iscrizione n°13/2013



           



lunedì 23 marzo 2020

Velletri, salgono a dieci i contagiati da coronavirus. Il Sindaco Pocci: "C'è un collegamento familiare. Il mio pensiero va agli anziani"


"La ASL ieri mi ha comunicato un nuovo caso positivo che ha un collegamento familiare con una delle persone già affetta da COVID-19, portando a 10 il numero delle persone contagiate. La giornata di ieri è stata caratterizzata dalla nuova ordinanza del Ministero della Salute e degli Interni che vieta gli spostamenti tra i comuni, una decisione presa per arginare il flusso migratorio di quanti si trovano per lavoro o studio nelle regioni del Nord e vorrebbero raggiungere le proprie famiglie.
Un sentimento comprensibile, lo dico da padre, ma purtroppo la situazione non ci consente di poter esaudire questi desideri e la battaglia va combattuta anche con le privazioni degli affetti, forse la prova più dura di questa emergenza. Questa mattina valuteremo attentamente anche il Decreto che stabilisce la nuova lista delle attività produttive che potranno continuare a svolgere il proprio lavoro, comprendo la complessità di tali scelte ma c’è necessità di semplificazione, cercheremo di dare il nostro contributo, se necessario emetterò un documento esplicativo. Vi ricordo che l’amministrazione svolge la sua funzione, ogni servizio è attivo con la modalità on-line o tramite il telefono, consultate il portale del Comune di Velletri per avere tutte le informazioni. Suggerisco di consultare il portale Salute Lazio dove ci sono tutte le informazioni sanitarie anche per la normale attività con i medici di famiglia, spiega bene come richiedere una ricetta dematerializzata e come accedere agli altri servizi che il sistema sanitario comune sta erogando. Lasciatemi rivolgere ancora un pensiero a tutti gli anziani, in particolari quelli che vivono soli e che non possono sentire il calore dei familiari, una fragilità che dobbiamo proteggere con ogni mezzo, fategli sentire il vostro affetto, con una telefonata e rivolgete loro parole di conforto". Così il Sindaco Orlando Pocci nella sua comunicazione quotidiana.