venerdì 13 luglio 2018

Il Maestro Gigi Proietti ha fatto giungere il suo sostegno e il suo apprezzamento al Museo Luigi e Lucia Magni

Velletri ha conseguito una delle più importanti vittorie culturali degli ultimi anni con la costituzione del Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola al quale stanno arrivando messaggi di sostegno e apprezzamento da importanti esponenti del mondo del cinema e del spettacolo.


di Alessandro Filippi

Tramite sua figlia Carlotta anche a lui si sono uniti Massimo Wertmuller, Gino Landi e le signore Erminia Ferrari Manfredi, Maria Paola Sapienza Trovajoli e Lola Mastroianni oltre alla famiglia del maestro nelle persone di sua sorella Fiorella e dei nipoti Umberto e Mauro Magni e all’ Associazione Luigi e Lucia Magni nelle persone del suo presidente Leila Benhar e del segretario Massimo Castellani. La nostra città di Velletri sta per salire alla ribalta del mondo culturale romano e del mondo del cinema italiano, grazie al progetto iniziato lo scorso Settembre dal Circolo Artistico La Pallade Veliterna pienamente appoggiato e condiviso dal dirigente scolastico del Cesare Battisti Eugenio Dibennardo dedicato alla valorizzazione e alla catalogazione della produzione del grande maestro romano Luigi Magni e di sua moglie Lucia Mirisola. Un lavoro attento e meticoloso che ha portato i primi frutti nello scorso mese di Marzo quando dopo la mostra “Gigi Magni epigrammi all’inchiostro di china” è stata allestita presso il Polo Espositivo Juana Romani la mostra “Gigi Magni filmografia di un regista” con oggetti e abiti di scena autentici. In questa occasione il Comune di Velletri sopperendo al rifiuto del Comune di Roma ha dedicato un viale della Villa Ginnetti alla memoria del maestro e una camelia a sua moglie Lucia Mirisola. Tutto questo unito all’istituzione del Premio Nazionale Luigi Magni per le arti grafiche, ha gettato le fondamenta per la nascita a Velletri presso il Polo Espositivo Juana Romani affidato dal consiglio d’istituto del Cesare Battisti al Circolo Artistico La Pallade Veliterna del Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola che aprirà i battenti il prossimo mese di Settembre. Un ala della prestigiosa struttura che dal 1890 al 2014 ha ospitato l’Istituto Statale d’Arte Juana Romani prima e il Liceo Artistico dopo sarà dedicata in modo permanente alla carriera del maestro e di sua moglie si tratta di quattro sale monotematiche dedicate ai singoli aspetti della vita artistica della coppia Magni – Mirisola, la prima raccoglierà i disegni satirici, la seconda le opere scenografiche, la terza quelle da regista e la quarta quelle teatrali. Saranno messi in evidenza rapporti di collaborazione con professionisti come Armando Trovajoli. Un progetto che ha trovato e sta trovando il sostegno ad alti livelli, il primo ad arrivare tramite sua figlia Carlotta è stato quello del Maestro Gigi Proietti che ha interpretato Mario Cavaradossi in Tosca e poi è stato protagonista di opere come Gaetanaccio e i 7 Re di Roma. A seguire Massimo Wertemuller il marchesino Eufemio Arquati in “In nome del Popolo Sovrano”, poi Gino Landi autore della regia teatrale dei 7 Re di Roma. La famiglia del maestro della persona di sua sorella Fiorella Magni e dei nipoti Umberto e Mauro hanno espresso il loro sostegno e la loro piena approvazione fin dai primi passi. Come non è mancato quello dell’Associazione Luigi e Lucia Magni nella persona del presidente Avvocato Leila Benhar e del segretario Massimo Castellani ai quali si è unito il sostegno degli amici di sempre Enrico e Tiziana Todi nonché della Signora Erminia Ferrari Manfredi, della Signora Maria Paola Sapienza Trovajoli e della signora Lola Mastroianni moglie di Ruggero. Come non citare e ringraziare per la loro collaborazione Edoardo Di Iorio – Enzo Forletta – Beppe Lanci – Alberto Spiazzi – Maurizio Millenotti – Luigi Ronchetti – Elide Cortesi,la famiglia De Angelis, l’amica Cristiana Possenti, Stefano Pirri, Stefano Donati l’arch. Marco Marini, Paolo Pace, Stefano Ortolani. Ogni uno per la sua parte ha contribuito al raggiungimento di un obbiettivo che siamo certi farà accrescere l’offerta culturale cittadina. Un grazie per tutto all’amministrazione comunale di Velletri in particolare al Sindaco Orlando Pocci all’amica “sorella” Romina Trenta. Al Sindaco emerito Fausto Servadio e agli ex assessori Luca Masi e Marcello Pontecorvi all’ex consigliere amica “sorella” Sabina Ponzo: senza il loro apporto e la loro determinante presenza le fondamenta per il museo non sarebbero state mai gettate. Il Maestro ben conosceva la nostra città e il territorio avendo girato parte de La Carbonara a Velletri e parte della Notte di Pasquino ad Ariccia a Palazzo Chigi. A Velletri Magni nel 2001 ha ricevuto il Premio "Eduardo" alla carriera dalle mani del Sindaco emerito Bruno Cesaroni. Appuntamento quindi a Settembre per la serata inaugurale nel frattempo vi ricordo la rassegna delle opere di Gigi Magni ogni venerdì e sabato al Polo Espositivo sotto il patrocinio del Premio David di Donatello. Luigi e Lucia ne hanno vinti 5 che sono esposti al Polo e che poi andranno al futuro Museo.