lunedì 14 maggio 2018

Massimo Pallocca (PD) candidato al Consiglio Comunale: “La politica è un impegno sociale, obiettivo comune è migliorare ancora”

È un Massimo Pallocca molto determinato, con le idee chiare e giudizi molto netti, quello che si presenta all’imminente campagna elettorale per le amministrative 2018 nelle fila del Partito Democratico come Candidato al Consiglio Comunale e al fianco di Orlando Pocci e in coppia con la giovane Giorgia Trivelloni.

“Perché impegnarmi in prima persona per il rinnovo del Sindaco e del Consiglio? La risposta è molto semplice ed è la stessa da molti anni” – dichiara Pallocca, rievocando la sua storia politica. “Sin da giovane, quando militavo nella DC, poi nel Partito Popolare, e per ultimo nel PD, ho pensato e inteso la politica non come un mestiere ma come un impegno sociale. Papa Paolo VI, un grande pontefice, diceva, e ne era convinto, che «la politica è la forma più alta della carità». Lo poteva dire perché aveva davanti a se personaggi della politica, da Dossetti a La Pira, da Aldo Moro a Lazzati e tanti altri che davvero vivevano la loro esperienza politica come servizio al Paese». L’appuntamento del 10 giugno si preannuncia infuocato, visti i tanti aspiranti primi cittadini e di conseguenza i tanti candidati al Consiglio che aspirano ad un seggio nell’assise di Piazza Cesare Ottaviano Augusto. Massimo Pallocca, però, ha una visione ben precisa del periodo che coinvolgerà i veliterni da qui al voto: “Non vivo la politica come un’esasperata competizione, né penso che i miei avversari politici siano dei nemici, bensì delle persone che vedono le cose in un modo diverso da come le vedo io ma con le quali occorre comunque un confronto per il bene comune della collettività”. Già consigliere comunale nella prima amministrazione Servadio, Massimo Pallocca ricorda il buon lavoro fatto dalla Giunta di centro-sinistra nei due mandati: “Ho cercato sempre di ispirarmi, nella mia azione politica, ai principi di cui parlo, anche quando svolgevo il ruolo di consigliere comunale e di presidente della Commissione Bilancio Affari Generali nel primo governo Servadio. Ho ricercato il dialogo e alla contrapposizione ho fatto sempre prevalere il confronto costruttivo. Riguardo alle elezioni imminenti, io credo che questi dieci anni di governo della città siano stati veramente entusiasmanti, e possono essere portati come esempio di buon governo della cosa pubblica”. L’esperienza del centrosinistra, approdato al Comune con una strada in salita, è stata secondo Pallocca un vero e proprio esempio di gestione virtuosa: “Abbiamo ereditato una città che veniva da molti anni di governo di centro-destra e da circa un anno e mezzo di commissariamento che avevano lasciato profondi segni e una situazione economica disastrosa. Con impegno e caparbietà tutto il centro-sinistra si è adoperato perché quella situazione potesse cambiare, perché una comunità ritrovasse l’orgoglio di sentirsi unita verso un obiettivo comune che era quello del cambiamento radicale e tangibile dello stato delle cose”. I risultati, secondo l’esponente del Partito Democratico, che negli ultimi cinque anni ha seguito costantemente l’azione politica, sono sotto gli occhi di tutti: “La città è profondamente cambiata. Ha ritrovato un equilibrio economico che permette di effettuare investimenti e manutenzioni e che è propedeutico allo svolgimento sereno di tutte le attività. Tutto ciò non senza difficoltà – dichiara Pallocca, con la sua visione tecnica da esperto di economia – ma avendo dovuto dichiarare il dissesto e per legge elevare tutte le imposte al massimo delle aliquote, i veliterni hanno pagato un prezzo molto pesante sotto questo versante”. Servadio ha avuto il merito di rimettere in piedi la città, e adesso il compito di lavorare in continuità tenendo presente le esigenze attuali e le proposte da rendere operative spetta ad Orlando Pocci, candidato Sindaco di una coalizione che vede il centrosinistra unito.
L’Assessore all’Urbanistica potrà fare tesoro delle grandi opere svolte dalla Giunta di cui lui stesso ha fatto parte, come sottolinea Massimo Pallocca: “Sono stati fatti passi da gigante nella cura del territorio, a cominciare dal sistema di raccolta porta a porta, che pur non esente da difetti ha permesso alla nostra città di avere un indice di differenziazione dei rifiuti quasi ai massimi livelli nazionali, senza dimenticare l’isola ecologica di Troncavia che oggi permette un virtuoso ciclo dei rifiuti”. “Vorrei soffermarmi inoltre – ha proseguito l’esponente del Partito Democratico di Velletri - sulle decine di importanti opere pubbliche che sono state portate a termine e non intendo solo quelle più prestigiose come il Convento del Carmine e le Stimmate, ma importanti opere non minori come il rifacimento del corso, di via dei Cappuccini, di svariate strade del centro storico, il recupero del Yeatro Artemisio-Volonté, decine di marciapiedi, il parcheggio dei Palazzi Pennacchi, l’attivazione di un Palazzetto dello Sport finalmente al servizio della città o ancora l’utilizzo della centralina ortofrutticola di Rioli diventata un punto di riferimento al Sud di Roma per il commercio e per i produttori agricoli”. Un elenco che potrebbe continuare, ma Pallocca è consapevole del fatto che per riavere la fiducia dei cittadini occorrano anche proposte credibili: “Bisognerà innanzitutto provvedere a un rilancio economico della città, anche attraverso un abbassamento delle aliquote che permettono maggiore sviluppo. Altro punto prioritario riguarderà le opere di manutenzione, perché la città ne ha estremo bisogno. L’amministrazione dovrà concentrarsi ancora di più sul sociale perché in un momento di crisi generale così profondo non possiamo permetterci di lasciare indietro nessuno, e bisognerà lavorare sulla cultura perché è l’unico strumento che riesce ad elevare una comunità, formando cittadini consapevoli della propria forza”. Una delle proposte che Pallocca rilancia, dopo averlo già detto in alcune precedenti interviste, riguarda il bilancio: “Bisognerà ripensare ad un modo diverso di fare il bilancio del Comune, non con l’imposizione ma attraverso la condivisione di tutti gli attori e di tutti cittadini”. Un programma molto denso, fatto di proposte realizzabili e di altre che richiederanno la partecipazione attiva dei cittadini. Proprio forte di queste idee, Massimo Pallocca si propone ai cittadini di Velletri come candidato al Consiglio Comunale nella lista del Partito Democratico insieme a Giorgia Trivelloni: “Ho espresso in grandi linee quello che penso e quello che vorrei portare a termine per la mia collettività. Mi piace pensare una città inclusiva, culturalmente avanzata e che ritrovi l’orgoglio di essere il punto di riferimento dei Castelli Romani. Sono certo – conclude il candidato dem, ribadendo la sua volontà di ascoltare, coinvolgere e stare vicino alla gente - che i veliterni che la pensano in questo modo siano moltissimi, e quindi chiedo loro di starmi vicino e di appoggiarmi con il loro voto perché non sarà un voto qualunque, ma una preferenza in cui essi si ritroveranno protagonisti”.


Messaggio elettorale a pagamento. 
Committente: Massimo Pallocca