giovedì 17 maggio 2018

Atletico Velletri, bilancio positivo: biancorossi al nono posto, il punto di Stefano Di Giammarino

Stagione terminata per l'Atletico Velletri, che chiude in bellezza con due vittorie (di cui una a tavolino) e traccia il bilancio del cammino svolto, con la soddisfazione di un nono posto di tutto rispetto.



Stefano Di Giammarino ha infatti già gli occhi protesi alla prossima stagione, insieme ad Alessandro Pennacchia e a tutto lo staff tecnico, che ha portato i biancorossi ad una ottima posizione di classifica ma soprattutto ha lavorato migliorando l'aspetto tecnico e tattico. "La partita contro l'Atletico Romanina purtroppo non si è disputata e come da regolamento l'abbiamo vinta a tavolino - ha dichiarato Di Giammarino - mentre nell'ultima trasferta ho visto una squadra viva, che ha vinto 8-2. Onestamente forse il passivo è troppo pesante per i nostri avversari, decimati dalle squalifiche, ma ci siamo fatti valere con l'impeto e la velocità di Dascalo e De Gregorio chiudendo un primo tempo dominato per 8-0. Nella ripresa abbiamo amministrato, ed è stata partita vera perché loro sono una squadra tecnica e preparata, come ci avevano dimostrato all'andata, e hanno tentato di riaprire il match recuperando due gol. Il risultato era comunque compromesso". Terminata la stagione, per Di Giammarino è importante pensare già al 2018-2019: "Partiamo dalle cose positive: i nostri ragazzi hanno tenuto fino all'ultimo, fisicamente, mentalmente e sul piano dell'entusiasmo. Il coinvolgimento dimostrato fino all'ultima partita ci ha ripagato dei sacrifici di quest'anno. A livello sportivo abbiamo terminato in una posizione che, con qualche episodio diverso, poteva essere anche migliore. Siamo comunque tornati in carreggiata e abbiamo fatto più dello scorso anno". Sul futuro, il dirigente dell'Atletico è chiaro: "Lo staff è confermato e resterà invariato, abbiamo un gruppo che non vogliamo snaturare e la società farà un mercato mirato per rafforzare la rosa. Abbiamo, come più volte detto, l'obiettivo di essere una società seria in pianta stabile, senza sparire in pochi anni. Raggiunto questo equilibrio tecnico e dirigenziale vogliamo lavorare da subito, con una preparazione adatta, e fare una stagione ancora migliore con le persone competenti e preparate che abbiamo intorno".