sabato 24 marzo 2018

L'angolo del computer: la fuga degli utenti per il Facebookgate

E’ cronaca di questi giorni lo scandalo scaturito dall’uso illecito dei dati sensibili di milioni di persone. Riassumendo, pare che Facebook abbia lasciato che una società britannica di analisi si appropriasse dei profili di cinquanta milioni di utenti per influenzare le scelte della gente non solo in campo pubblicitario ma anche in fatto di elezioni americane e brexit.

di Stefano Ruffini
Oltre agli aspetti legali e al crollo in borsa di Facebook, lo scandalo ha generato una “emotiva” fuga degli iscritti dal social network, alimentata anche dall'hashtag #deletefacebook postato su altre piattaforme come Twitter: tutto ciò a senso ? Sono abbastanza meravigliato del fatto che una gran massa di persone si sia accorta solo ora che i dati personali degli utenti sono la vera merce sulla quale si fanno i maggiori guadagni. Io ricordo sempre a tutti che, specialmente su internet, nulla è gratis e sarebbe ingenuo pensare che un colosso in pieno attivo come Facebook, con migliaia di dipendenti in tutto il mondo e palazzi interi pieni di server costosi ed energivori, possa mantenersi con le sole pubblicità che tra l’altro i primi anni erano quasi assenti. Quando viene fatta l’iscrizione ad un portale, ad un social, quando si scarica un app non ci sono forse delle clausole che vengono generalmente accettate da quasi tutti sulla gestione dei propri dati personali ? Ad ogni modo cancellarsi adesso quando i dati sono stati già acquisisti ha poco senso, come dice un proverbio: è inutile chiudere la stalla dopo che sono scappati i buoi! Per chi invece vuole “congedarsi” da Facebook per una questione di protesta, di delusione o solo perché si è stufato di condividere idee o sprazzi di vita quotidiana può farlo in due modalità: disattivazione o cancellazione vera e propria. Nel primo caso si sospende il proprio profilo, si è in pratica irrintracciabile ma non si perde nulla della propria storia e si può sempre tornare a ripristinarlo, nel secondo caso si perdono i dati per sempre. Per disattivarsi basta andare sulle “impostazioni/impostazioni generali del proprio account/gestisci account/disattiva il tuo account”, per cancellarsi invece dopo essere entrati nel proprio profilo Facebook bisogna battere sulla barra degli indirizzi: https://www.facebook.com/help/delete_account seguendo poi le indicazioni. In quest’ultimo caso, se si vuole, è possibile prima di procedere alla cancellazione definitiva, salvare tutto quello che nel tempo abbiamo postato (foto, video, ecc.) andando sul menù di impostazioni/impostazioni generali dell’account e in basso cliccare su “Scarica una copia dei tuoi dati di Facebook/ avvia il mio archivio” ; Facebook così preparerà un file che poi invierà all’indirizzo email della propria login.
Associazioni e Solidarietà