menù



           



lunedì 4 novembre 2019

"Son vivi quei morti": letture e spiegazioni al Cimitero di Velletri per la Festa dei Defunti

Una festa dedicata ai Defunti con un tocco di arte e di storia al Cimitero Monumentale di Velletri. Grazie alla collaborazione tra l'Assessorato guidato da Romano Favetta e l'Accademia delle Belle Arti, infatti, nella giornata di sabato le celebrazioni consuete sono state allietate da alcune letture dedicate ai sepolti "illustri" che riposano nel Cimitero veliterno.
Un'idea apprezzata all'unanimità dalla cittadinanza, con numerose persone che si sono ritrovate presso le varie tappe del programma stilato dall'Assessore Favetta e dal referente dell'Accademia di Belle Arti veliterna Marco Nocca per assistere alle letture di passi dedicati o scritti dai vari Edgardo Zauli Sajani, Achille Campanile, e così via. Nel frattempo il Cimitero, pulito e rassettato per l'occasione, si presentava come un autentico giardino. Un percorso, quello pensato dagli amministratori, che potrebbe essere un volano per far riscoprire le sepolture degli uomini illustri (e non sono pochi, da Ugo Tognazzi a Marcello De Rossi, dallo stesso Achille Campanile a Celestino Masin e così via) che giacciono a Velletri. Un plauso all'Assessore Romano Favetta e al professor Marco Nocca, nonché a tutti i lettori dei brani e a coloro che si sono spesi per rendere l'iniziativa perfetta. Un'idea originale che potrà avere seguito negli anni a venire.

Rocco Della Corte