menù



           



lunedì 7 ottobre 2019

"Le donne dovrebbero solidarizzare": Sveva Casati Modignani racconta a Velletri "Segreti e ipocrisie"

La grande scrittrice e romanziera Sveva Casati Modignani è arrivata alla Mondadori Bookstore di Velletri per presentare il suo ultimo romanzo, "Segreti e ipocrisie", edito da Sperling & Kupfer.


di Rocco Della Corte
Una storia, quella che rappresenta la novità editoriale della nota autrice, in continuità col precedente "Festa di famiglia". Una prosecuzione quasi naturale viste le storie rimaste in sospeso, come ha specificato la stessa Modignani - intervistata da Aurora De Marzi -  davanti al nutrito pubblico della libreria veliterna. "Il luogo preferito di scrittura e di lavoro è la mia casa" - ha svelato l'ospite - "e rileggendo 'Festa di famiglia' mi sono resa conto di aver lasciato un sacco di interrogativi aperti. Le lettrici e i lettori volevano sapere cosa sarebbe accaduto dopo, e io anche. Ognuna delle quattro donne protagoniste è rimasta con un finale aperto, ed ecco il perché di questo libro e degli altri che, forse, seguiranno". "Segreti e ipocrisie" è la storia di Maria Sole, una donna alle prese con i macigni sepolti e le omissioni del suo nucleo familiare: "Non capita tutti i giorni quello che capita a Maria Sole, cioè di scoprire l'omosessualità di suo marito. Il marito era un amico, un eroe, un aiutante, e si tiene però dentro per una forma di ipocrisia il malessere che avverte. Si rende conto di non essere attratto dalle donne ma dai maschi, però la cosa lo terrorizza e l'ambiente familiare fa il resto".
Una vicenda davvero struggente, che poi evolve nella traumatica scoperta: "Quando Maria Sole e suo marito hanno il primo figlio, accade un fatto: lei intercetta una telefonata e si accorge che Mariano ha un amante. Prima si arrabbia, ma si dispera quando scopre che l'amante è un uomo. Mariano è un ottimo padre, un uomo sano, onesto, pulito, e lei cerca di sostenerlo in questo 'coming out' anche se ineluttabilmente la loro vita di coppia termina". Nel romanzo di Sveva Casati Modignani c'è una forte componente femminile, sia nei personaggi che nell'interpretazione delle vicende. "Le donne" - ha detto la scrittrice - "dovrebbero unirsi e non dividersi. Uomini e donne devono confrontarsi su un piano di parità perchè ne hanno i mezzi, quello che deve prevalere è il rapporto leale.
Mi piacerebbe che le donne solidarizzassero di più tra loro". La scrittrice, prima del lungo firma-copie, ha risposto ad alcune domande del pubblico, alcune delle quali inerenti i suoi gusti letterari: "Leggo da quando sono nata, perché se non leggi non scrivi, e io amo Proust, Chechov... L'ultimo libro che ho letto è un giallo di Francesco Recami". Al termine degli autografi, spazio al gusto con la splendida torta realizzata da Gelatomania e riportante la copertina del libro "Segreti e ipocrisie". Per Mondadori un'altra bella giornata di cultura in attesa del prossimo appuntamento, sabato 19 ottobre, alle ore 18.30 con l'attore Claudio Santamaria e con Francesca Barra.