menù



           

giovedì 15 novembre 2018

Quando lo scrittore e Premio Campiello Giorgio Saviane arrivò a Velletri negli anni Ottanta

Spesso ultimamente vediamo a Velletri persone famose e scrittori che presentano e promuovono le loro ultime opere nei vari luoghi di Cultura grazie alle varie Associazioni che giustamente vogliono diffondere la conoscenza della Letteratura moderna. Ma negli anni passati che cosa avveniva?

di Giampaolo Brencio
L’iniziativa era prerogativa di singoli cittadini che sentivano la necessità di portare a Velletri personaggi famosi a titolo personale perché le Autorità Comunali non erano sensibili a tali iniziativi. Il 21 aprile 1983 è stato accolto nella Biblioteca Comunale sita in Vicolo senza uscita presso Via del Comune il famoso scrittore Giorgio Saviane per uno scambio di idee tra il Suo mondo e quello del 1983. Si presentò a Piazza Garibaldi con una smagliante jaguar bianca e si rese subito disponibile a quello che era il programma previsto. È bene ricordare chi era Saviane che ci ha lasciato nel 2000. Ha scritto circa ottanta libri, è stato finalista al Premio Strega, ha vinto il Campiello con il “Papa” ma la sua fama è legata al libro Eutanasia di un amore che nel ’78 divenne un famoso film interpretato da Tony Musante e da una giovane Ornella Muti.
Nell’incontro in Biblioteca lo scrittore parlò della sua lacerazione psicologica che motivava la sua solitudine esistenziale. Illustrò la sua ultima opera: Il tesoro dei Pellizzari, un ritratto di una famiglia veneta nel ventennio fascista che ha fatto della casa, della terra e dei sentimenti i valori unici che costituiscono il proprio tesoro. Ebbe parole lodevoli per Giampaolo Brencio che lo aveva invitato e per i presenti che lo avevano incalzato con domande per capire meglio la personalità dello Scrittore. È rimasta una lodevole iniziativa con un minimo di pubblicità ma con l’assenza assoluta delle Autorità Comunale,peccato. Per la cronaca è bene dire che il dott. Saviane non ha percepito rimborsi vari. Era un Signore. Grazie Giorgio.
Associazioni e Solidarietà