menù



           

lunedì 11 giugno 2018

Le reazioni dei candidati. Greci: "Aria di cambiamento", Pocci: "Impegno comune per vincere"

Sono state notti tumultuose, insonni, e passate a suon di sezioni scrutinate quelle di Giorgio Greci e Orlando Pocci. Il candidato del centrodestra, nel suo quartier generale in via Lata, insieme a sostenitori e candidati ha aspettato sezione per sezione. Stesso discorso per il candidato del centrosinistra, arrivato alle 23.30 circa al Comitato di Corso della Repubblica.


Entrambi gli schieramenti che hanno guadagnato il 'pass' per il ballottaggio si sono attrezzati con proiettore e maxi-schermo per aggiornare i cittadini sullo scrutinio in corso. Sin dalle prime sezioni è apparso chiaro che le distanze sarebbero state quelle poi rivelatesi definitive, con la forte affermazione di Casapound e un'avvincente lotta al "terzo posto" tra Paolo Felci, Alessandro Priori e Paolo Trenta. Terzetto tuttavia staccato di molto da Greci e Pocci, le cui rispettive distanze si sono poi a loro volta materializzate in circa cinque punti a favore del candidato del centrosinistra. Augusto Di Lazzaro e Stefano Pennacchi, invece, si sono aggirati tra l'1 e il 3% per tutto lo spoglio. Diversi cittadini hanno popolato il porticato antistante il Comitato di Pocci, così come in molti hanno stazionato nel quartier generale di Greci a caccia di notizie, informazioni, voti dai rappresentanti di lista. Alla fine, a risultato acquisito, il tanto decantato ballottaggio si è ufficializzato. Giorgio Greci ha ringraziato i suoi elettori con un messaggio sulla sua pagina ufficiale: "Grazie a tutti per la fiducia. Il risultato di oggi è il segno che la città ha voglia di cambiare. Avanti così, serve un ultimo slancio!". Sulla stessa lunghezza d'onda, all'insegna del fair play e della cautela, Orlando Pocci, che ha invece dichiarato: "Grazie a tutti voi per il fondamentale sostegno espresso con il vostro voto. Adesso c'è bisogno di un grande impegno comune per vincere insieme la partita e per avere una Velletri sempre più bella, più vivibile, più popolare".  Nessuno dei due candidati si è sbilanciato in un'analisi del voto, ma a breve arriveranno dichiarazioni più compiute. Ricordiamo che Orlando Pocci ha conquistato 9353 voti (35,62%), mentre Giorgio Greci ne ha guadagnati 7820 (29,78%). Cinque anni fa Servadio vinse al primo turno con oltre 13.000 preferenze e il 51%. 
Associazioni e Solidarietà