lunedì 25 giugno 2018

Consiglio Comunale, ecco gli eletti: la maggioranza ha quindici consiglieri, cinque a Greci, due a Priori

Erano già stati paventati, sulla stampa e sui social, diversi scenari alla vigilia del ballottaggio in caso di vittoria di Pocci o di Greci. Salvo stravolgimenti, la composizione dell'assise consiliare dovrebbe essere questa.


Al momento, salvo sorprese e calcolando quello che riporta il sito del Ministero, la composizione del prossimo Consiglio Comunale (24 i seggi totali) sarà la seguente: per la maggioranza sono dieci i consiglieri del Partito Democratico. Entrano Edoardo Menicocci e Romina Trenta (i più votati), Valter Bagaglini, Mauro Leoni, Giuliano Cugini, Giorgio Zaccagnini, Francesca Argenti, Andrea Di Fabio, Marcello Pontecorvi e Maria Paola De Marchis. Per Velletri e Beni Comuni Sergio Andreozzi e Carlo Quaglia. Per Liberi e Uguali, Giulia Ciafrei. Per Gente Nuova Francesco Cavola siederà di nuovo sullo scranno consiliare, così come Romano Favetta per il Movimento Popolare per Velletri. La coalizione di Pocci avrà quindici seggi, mentre l'opposizione si ripartisce gli altri nove. Tre vanno ai candidati a Sindaco non eletti, ovvero Alessandro Priori (coalizione FI+civiche), Paolo Trenta (M5S) e Paolo Felci (Coalizione CPI+civiche). I restanti sei sono per Fabio Messori (secondo consigliere della coalizione di Priori) e per Giorgio Greci, che entra come Sindaco non eletto insieme a due consiglieri di Fratelli d'Italia (Chiara Ercoli e Andrea D'Agapiti), uno della Lega (Riccardo Iannuzzi) e uno di Con voi per Velletri (Faliero Comandini). Naturalmente in caso di nomine assessorili (ricordiamo che sono sette gli Assessori) i designati, qualora eletti, si dimetterebbero facendo subentrare gli esclusi. In sintesi, il Consiglio sarà composto da 15 consiglieri per Orlando Pocci, 5 per Giorgio Greci, 2 per Alessandro Priori, 1 per Paolo Trenta, 1 per Paolo Felci. Sul toto-Giunta non ci sono che congetture: nei prossimi giorni saranno disponibili maggiori dettagli.
Associazioni e Solidarietà