lunedì 21 maggio 2018

Velletri2030 ringrazia per la partecipazione al dibattito sulle "Priorità programmatiche dei Candidati Sindaci"


Un sentito ringraziamento a tutti coloro che sabato 19 Maggio hanno partecipato all'incontro - dibattito con i Candidati a Sindaco sul tema "Le priorità programmatiche dei Candidati a Sindaco – definizione dei Temi e degli Indicatori per il monitoraggio del raggiungimento degli obiettivi", tenuto nella sala Tersicore del Palazzo Comunale di Velletri.

Velletri 2030
Un ringraziamento particolare a tutti i Candidati, che hanno garantito la loro presenza all'incontro con precisione e puntualità non comune. Sulla pagina Facebook Velletri 2030 è stato pubblicato un insieme di foto a testimonianza dell'evento. Il Presidente di Velletri 2030 ha brevemente introdotto l'incontro rivolgendosi ai Candidati dicendo che l'interesse principale è conoscere i loro Progetti Città per il futuro di Velletri, le priorità, gli strumenti da mettere in campo per il monitoraggio dei risultati promessi. Partendo dall'attuale situazione demografica ed economica della città, Velletri 2030 è interessata a conoscere la visione strategica e politica dei Candidati, convinta che ruolo della politica non è quello del "tirare a campare" lasciandosi trascinare dalle richieste e dagli interessi di singoli cittadini. Il ruolo della politica è quello di traguardare il futuro e di avere una visione, per l'ordinaria gestione c'è tutta l'organizzazione amministrativa. Quali sono le priorità dei Candidati? Come queste priorità si raccordano con le priorità nazionali ed europee? Come queste priorità si raccordano con i Temi suggeriti da Velletri 2030 per uno Sviluppo Sostenibile?
Quale è la visione di città dei Candidati? Che ne volete fare di Velletri: un polo agricolo, un polo artigianale, un polo sanitario, un polo industriale, un polo turistico, un polo culturale, un polo sportivo,.............. Tutti i Candidati hanno avuto a disposizione quindici minuti per esporre le loro priorità e le loro idee per il futuro. Anche su sollecitazione dal pubblico, si è parlato molto di integrazione e coesione sociale, un fattore determinante per la sicurezza, tema caro a tutti i Candidati, e di lavoro partendo dalle cifre drammatiche riportate da un candidato. La cultura è al centro di ogni Programma, per il valore intrinseco e come leva per il turismo, insieme allo sport. Tutti i Candidati hanno promesso di dedicare risorse per lo sviluppo di infrastrutture dove fare cultura e sport e di dedicare un luogo fisico alle Associazioni culturali che operano sul territorio. Si è parlato molto di sviluppo: agricolo, dei servizi sanitari, dei servizi giudiziari, dei servizi in generale, spingendosi fino alla dichiarazione di una "città dei servizi" con al centro le scuole, ognuno con diverse priorità. Fattore comune a tutti i Candidati la ricerca delle risorse finanziarie fuori dal bilancio comunale, in particolare verso i fondi europei, sia diretti rispondendo ai bandi europei, sia indiretti rispondendo ai bandi regionali e nazionali. La notizia importante è che tutti si sono impegnati per l'attivazione di uno sportello informativo per come accedere ai bandi e preparare le proposte. Particolarmente interessante il richiamo a prendere coscienza di cosa sia oggi la città di Velletri, delle sue caratteristiche urbanistiche e del territorio, con l'impegno a cercare di limitare la cementificazione del territorio a favore di processi di rigenerazione e recupero dell'esistente, in modo tale da favorire anche uno sviluppo della piccola imprenditoria locale invece che della grande imprenditoria proveniente da fuori. Il recupero del centro storico va visto insieme al tema del commercio e dell'artigianato, cercando di evitare l'attuale degrado architettonico e sociale di zone limitate della città. Si è parlato anche di acqua e trattamento dei rifiuti, con la proposta di un candidato di ritornare ad una gestione interamente pubblica per la prima e un generale orientamento da parte di tutti i Candidati a soluzioni dimensionate sulle esigenze locali e rifiuto di impianti industriali per la seconda. Tanti i temi trattati. Tutti hanno rimandato ai loro Programmi e hanno dato la loro disponibilità per degli incontri di approfondimento sull'introduzione dei concetti di priorità programmatica e indicatori per il monitoraggio del raggiungimento dei risultati promessi, come proposto da diverse istituzioni e ripreso da Velletri 2030.
L’esercizio della definizione degli Indicatori è in una “fase sperimentale”. Ascoltando tutti coloro che vorranno contribuire, sarà necessario affinare le scelte, valutarne la bontà, estenderne la portata e, in generale, monitorarne l’efficacia. La scelta degli Indicatori non può essere mai considerata definitiva, e sarà sempre funzionale ai valori che la Comunità vorrà darsi. Particolarmente interessante sarà creare un raccordo tra la contabilità per funzioni (COFOG) il DUP e i Temi con gli Indicatori proposti. Purtroppo si è parlato poco di digitalizzazione dei processi amministrativi e di investimenti per le infrastrutture digitali che stanno alla base di qualsiesi iniziativa imprenditoriale che guardi al futuro. Ma questo è un vero problema culturale e generazionale, bene rappresentato quando un partecipante ha chiesto la posizione dei Candidati verso l'introduzione dello strumento "blockchain" in amministrazione. Si è parlato poco anche di progetti di "smart city" e di "smart community". Ancora Grazie.
Associazioni e Solidarietà