giovedì 1 marzo 2018

Una veliterna per il ministero della Difesa: Elisabetta Trenta indicata nella squadra di Di Maio


Oggi alle 15,30 il candidato premier del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, dal Salone delle Fontane all’Eur, ha presentato la sua proposta di squadra di governo, costruita mettendo in primo piano la competenza e la professionalità.
Nella squadra troviamo con grande sorpresa, in un ruolo importante come quello del Ministro della Difesa, una nostra concittadina che l’onorevole Di Maio presenta come una persona chiave per la sua esperienza maturata nella sicurezza, difesa e cooperazione internazionale. Sorella del consigliere comunale pentastellato veliterno , Paolo Trenta, Elisabetta dopo oltre 10 anni dalla precedente esperienza politica nell’amministrazione veliterna, si è finalmente riconosciuta in un progetto politico a misura di cittadino. Diventa attivista nel suo municipio, Roma V, apportando anche la sua esperienza nella progettazione europea e partecipa e supera le parlamentarie del movimento 5 stelle, risultando candidata al senato nel collegio plurinominale Lazio 2. E’ proprio in occasione di un incontro di campagna elettorale nell’università Link Campus, dove Elisabetta insegna, che incontra l’on Di Maio che rimane colpito dal curriculum e la individua come figura chiave per il ministero della Difesa. Nel suo discorso introduttivo la nostra concittadina racconta come la sua prima esperienza in Iraq come political advisor, le abbia segnato la vita, comprendendo come sia impossibile slegare lo sviluppo di una paese, dalla sicurezza e dalla pace e di quanto fosse fiera di essere italiana condividendo l’impegno ed il rischio dei nostri soldati impegnati nelle missioni umanitarie. Ribadendo l’importanza della Difesa alla realizzazione della pace e della sicurezza, Elisabetta conferma come i nostri soldati siano sempre presenti in occasioni di pubblica calamità ed altri casi di straordinaria necessità ed urgenza. Per affrontare le sfide del XI secolo è necessario investire nel capitale umano e nella ricerca ed innovazione, attraverso una razionalizzazione delle spese e gestione del patrimonio della difesa anche attraverso iniziative di democrazia partecipata. Il nostro Governo - conclude nel suo intervento - assicurerà al Paese delle Forze Armate efficaci ed efficienti, capaci di rispondere alle nuove minacce e di innovarsi, rimanendo economicamente sostenibili. Tutto questo in coordinamento con le altre istituzioni nazionali e internazionali, Alleati e Partner. Portiamo gli auguri ad Elisabetta Trenta, di chi ha avuto il piacere di conoscerla di persona o indirettamente. Il suo risultato, anche se per ora solo un riconoscimento personale delle sue qualità, costituisce orgoglio della città e va ad aggiungere un solido mattoncino al muro della buona politica.