martedì 6 marzo 2018

Regionali, Velletri premia i suoi candidati: Righini e Ognibene i più votati, bene Ladaga e Baietti

Consultazioni regionali a trazione veliterna quelle di ieri. Con 42 sezioni scrutinate su 42, infatti, come prevedibile emerge un dato: hanno preso più voti, al di là della media nazionale, i partiti in cui vi erano candidati del territorio.

Stefano Parisi chiude a 10.859 preferenze e un 37,2% a Velletri, spinto dalle 1325 preferenze di Giancarlo Righini che porta Fratelli d'Italia al 10,91% (secondo partito della coalizione) e Silvia Ladaga, con 892 preferenze in Forza Italia (19,82%, primo partito). La giovane candidata veliterna è la più votata, segue Aurigemma (641 voti). Nicola Zingaretti, riconfermato governatore, chiude ad 8151 voti (27,97%) a Velletri limitando i danni del centro-sinistra in tutta Italia. Liberi e Uguali però si attesta ad un confortante 6,56%, grazie alla forza del candidato Daniele Ognibene, attuale presidente del consiglio comunale, che guadagna 1047 preferenze, un dato importante. Sopra il 5% Casapound, con Luciano Baietti che di voti ne prende 470 con un'ottima affermazione. Un buon risultato anche per Sergio Pirozzi (4,44%) in linea con la media regionale: 128 i voti per il veliterno Fabio D'Andrea. Chiude con 14 voti Lucia Civitella (Riconquistare l'Italia). Mancando ancora diverse sezioni nella provincia di Roma, è difficile comprendere chi sia stato eletto e chi no.