Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:


Tanti auguri di Buone Feste da...


sabato 14 ottobre 2017

Sabato 7 e domenica 8 ottobre: la Primavera della cultura veliterna

Velletri nell'ultimo anno ha dimostrato di essere una città culturalmente prolifica: lo scorso week-end, particolarmente ricco di iniziative culturali, ne è stata un'ennesima e fervente dimostrazione. 

di Sara Scifoni 


VELLETRI - Un fine settimana ricco di proposte culturali quello di Velletri, che nelle giornate di sabato 7 e domenica 8 ottobre ha ospitato un numero notevole di eventi.

Il week-end è stato aperto sabato mattina con la presentazione del progetto “Salviamo Torre Astura” dell'architetto Guido Giani presso la Sala Tersicore; obiettivo della conferenza era quello di valorizzare l'importanza culturale di Torre Astura, che rischia di essere dimenticata e lasciata in balia dell'erosione del tempo. Contemporaneamente ha avuto inizio l'evento dell' "Ottobrata valiterna” che, in mattinata, ha dato la possibilità di scoprire la Velletri pre-romana e medievale attraverso una visita guidata storico-archeologica, e successivamente ha promosso la presentazione del libro del Giudice dr. Giacomo Ebner, Dodici qualità per sopravvivere in Tribunale (e non è nemmeno certo) alla Casa delle Culture e della Musica. Sempre nel pomeriggio di sabato si è svolto un importante seminario di Velletri 2030 alla Sala Micara con gli interventi del vescovo Vincenzo Apicella, del dottor Sandro Bologna e dell'avvocato Stefano Cortina. Intanto, ha avuto luogo, presso il Dopolavoro Ferroviario, l'evento di beneficenza “Solidarietà in musica”, organizzato dall’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba e il circolo di Velletri “Camilo Cienfuegos”: attraverso le note del cantautore cubano Victor Quinones, un aperitivo cubano e vari banchetti di libri ed oggettistica, l'evento ha raccolto fondi destinati alle popolazioni colpite dell'uragano IRMA. Attivo anche il Polo Espositivo "Juana Romani", dove Enrico Nardini raccontava, attraverso efficacissime fotografie d'epoca, di una Velletri storica sorprendentemente diversa, architettonicamente e paesaggisticamente, da quella odierna. La Libreria Mondadori di Velletri intanto veniva riempita per l'incontro con Massimo Bisotti, noto scrittore che ha presentato Un anno per un giorno. L'incontro, molto partecipato dai veliterni, ha aperto ufficialmente la stagione letteraria della Mondadori Bookstore Velletri-Lariano, che vedrà il susseguirsi di numerosi eventi presenziati da grandi personalità letterarie. Il sabato è stato chiuso in bellezza dal concerto del Giovanni Palombo Camera Ensemble presso la Casa delle Culture e della Musica a cura dell'Associazione Colle Ionci di Valeriano Bottini con il patrocinio della Fondazione di partecipazione Arte e Cultura Città di Velletri. Domenica 8 ottobre invece si è concluso il trittico pirandelliano del Teatro Tognazzi con “Sei personaggi in cerca d'autore”, alle 18, mentre alle 20.30 è andato in scena all'Auditorium della Casa delle Culture un concerto curato dall'Andos di Velletri per l'ottobre rosa. Mattinata dedicata ai bambini con BabyCampus e "La piazza dei bambini" sotto la Torre del Trivio e lungo tutta Piazza Cairoli. Inaugurato "L'orto del Pellegrino" e il tutto è stato impreziosito dalla presenza degli Sbandieratori e Musici di Velletri. L'ultimo week-end ha quindi visto una Velletri particolarmente vivace culturalmente, che è stata in grado di accogliere molti eventi e suscitare l'interesse di tutti. Le proposte sono state numerose e variopinte, tanto da esser state sovrapposte l'una all'altra. Se da una parte quindi c'è una frenetica possibilità di scelta, dall'altra c'è il rammarico di non esser riusciti a seguir tutto. Inoltre, le numerose proposte non sempre permettono ai giornali locali di esser presenti, creando così, contrariamente all'obiettivo dei quotidiani, una disinformazione generale di certo non voluta perché andrebbero seguite, incentivate e raccontate tutte iniziative culturali cittadine. Nonostante ciò è sicuramente rasserenante e intellettualmente incoraggiante trovare un'operosità culturale tale da offrire cultura e allo stesso tempo diletto nel fine settimana.