menù



Sponsor

martedì 1 agosto 2017

Velletri2030, acqua: "Bisogna affrontare, anche nel locale, i temi dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile"

La siccità che ha colpito l'Italia, fino a minacciare l'approvvigionamento idrico della sua capitale, sta ovviamente suscitando polemiche, anche accese, come nel caso di Roma. 

Velletri 2030


VELLETRI - Le critiche si concentrano sulle perdite delle reti idriche e sull'uso improprio dell'acqua, che certamente sono concause della crisi.

Tuttavia, le tubazioni colabrodo e la mediocre gestione dell'acqua – in particolare nel settore agricolo, che ne è il principale consumatore – sono temi ricorrenti da decenni, ma non hanno mai provocato situazioni, per dimensione e durata, comparabili a quella odierna. Anche se, occupandosi della siccità, la maggior parte dei media dà ormai per acquisito che sia provocata dal cambiamento climatico, è singolare che il dibattito in corso trascuri carenze ancora più importanti che, in contesti analoghi, occupano il centro della scena. Esiste un "Sistema Italia" in grado di indicare percorsi di sviluppo per una nuova filiera industriale per il settore idrico? Individuate ormai da tempo priorità, necessità, emergenze e cifre d'investimento, il sistema idrico italiano necessita - come risaputo - di ingenti investimenti per riqualificare reti e sistemi di depurazione e di buone idee. Nel panorama italiano operano soggetti diversi, alcuni pronti a innovare e a investire in soluzioni d'avanguardia, altri avanzati tecnologicamente ma ancora poco propensi sia a fare filiera che a guardare con più attenzione alle risorse economiche e ambientali, e altri ancora arroccati su soluzioni di retroguardia e affatto intenzionati a impiegare risorse per modernizzare il servizio. Insomma, era tutto previsto già da anni. Purtroppo solo generiche sono state le azioni proposte e del tutto prive di indicazioni sugli strumenti per attuarle. A tutti i livelli, comunale, regionale, nazionale. Se ci sono state, si è trattato di cauti sussurri e non di grida provenienti da una pluralità di voci. L'oblio del mondo politico è riconducibile ad un generico disinteresse per il tema ACQUA, anche da parte della Società Civile. Ritengo sia giunto il momento di affrontare, anche a livello locale, i temi dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, già ampiamente anticipati da Papa Franceso nell'Enciclica " Laudato si' ".