Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




venerdì 11 agosto 2017

Campo Nomadi a Capitancelli/Malatesta: "Servono urgenti misure per affrontare la questione"

Accampamento Rom nelle campagne di Velletri: la situazione preoccupa e desta varie anime della politica veliterna. Paolo Felci, Dario Di Luzio e Sergio Andreozzi intervengono sulla questione.

Foto repertorio tratta dal web
VELLETRI - L'accampamento Rom ubicato nelle campagne di Velletri, per la precisione in zona Malatesta/Capitancelli, è al centro del dibattito civico degli ultimi giorni. Situazioni igieniche precarie, problemi di sicurezza per i residenti, e soprattutto un contesto di disagio per l'intera comunità. Sui social tra i primi ad intervenire è stato il leader di Casapound Italia, Paolo Felci.
"Riguardo l'accampamento del campo rom di via Capitancelli - ha dichiarato il candidato Sindaco di CPI, dopo una prima nota in cui denunciava la situazione - tutte le autorità competenti del territorio insieme alla Asl, nei prossimi giorni effettueranno controlli all'interno dell'accampamento, nel terreno di proprietà della famiglia Rom. Se entro e non oltre il 20 di agosto - ha aggiunto Felci - non verranno presi provvedimenti in merito, organizzeremo un sit-in di protesta davanti all'accampamento. No al Campo Nomadi!", conclude il suo breve intervento sul suo profilo Felci. Anche l'Amministrazione Comunale, per bocca dell'Assessore Sergio Andreozzi, è intervenuta sul tema assicurando che saranno messe in campo tutte le misure necessarie: "A Capitancelli vige una situazione di invivibilità, questo accampamento manca dei servizi igienici minimi. La situazione è nota già da tempo, tanto che la Polizia Locale ha effettuato diversi controlli sin dal maggio 2016. Negli ultimi giorni siamo venuti a conoscenza di un peggioramento, e insieme a tutte le autorità competenti in merito abbiamo intensificato le verifiche, tenendo presente che possiamo operare secondo quello che la legge ci permette di fare. Bisogna valutare un eventuale sgombero, considerando però che il terreno è privato. La prima ondata fu in qualche modo arginata, adesso però il problema si ripropone e va affrontato in maniera incisiva. Metteremo in campo le azioni che sono in nostro potere".
Anche il consigliere Dario Di Luzio, di Fratelli d'Italia, si è espresso in merito: "Nel consiglio comunale del 20 maggio 2016 - fa sapere Di Luzio - è stata trattata una specifica interrogazione sull'accampamento Rom nelle campagne veliterne a firma dei consiglieri comunali Dario Di Luzio, Carlo Quaglia e Giorgio Greci (protocollata il 12/4/2016) proprio per chiedere chiarimenti e informazioni all'amministrazione. La Giunta rispose che avrebbe immediatamente attivato ogni procedura di controllo e verifica amministrativa e tecnica compreso un sopralluogo della Polizia Locale. Noi ci siamo attivati oltre un anno fa..." - constata il consigliere di opposizione, concludendo che "le responsabilità sono tutte in capo alla Giunta, che sapeva". Nei prossimi giorni ci saranno senz'altro sviluppi sulla vicenda, con ulteriori dichiarazioni e novità sul caso.