menù



Sponsor


giovedì 3 agosto 2017

A Velletri un drammatico grido di dolore di alcuni lavoratori: “Da mesi senza stipendio, siamo indignati”

La Redazione di Velletri Life ha accolto la segnalazione, giunta da parte dei lavoratori di una ditta di impiantistica locale, che espone una sopraggiunta situazione disagio creatasi in seguito al mancato pagamento degli stipendi, senza una apparente giustificazione.


VELLETRI -  L’appello riguarda principalmente la richiesta di una tutela dei propri diritti al lavoro, come la nostra Costituzione d’altro canto dovrebbe garantire a tutti i cittadini, e soprattutto cerca di sollecitare una risposta alla condizione di difficoltà in cui si trova una parte del personale.

“Sono mesi che non percepiamo i nostri stipendi – scrivono in una nota due ex dipendenti – e la ditta alle nostre richieste di confronto e di appello ha sempre risposto con il silenzio. Non abbiamo avuto nessuna spiegazione né delucidazione riguardo gli arretrati, per alcuni di noi si parla di cinque, sei, otto mesi. Siamo stati costretti a licenziarci dopo quasi otto mesi senza stipendio e cercare altre occupazioni per mantenere le nostre famiglie. Non abbiamo notizia, però, dei nostri stipendi e delle nostre liquidazioni che ci spettano di diritto. La situazione è difficile, molti di noi si stanno arrangiando: alcuni sono disoccupati, altri stanno cercando di trovare un nuovo impiego, ma non è affatto semplice in questi tempi. Il non avere avuto mai risposte e il silenzio da parte dei vertici della nostra ex ditta ci indigna – continua la nota – considerando che ad essere in questa incresciosa situazione sono trenta persone circa tra padri di famiglia e uomini che hanno delle responsabilità e degli impegni da rispettare. Abbiamo intrapreso diverse strade per rivendicare i nostri diritti, con azioni legali o supporto di sindacati. Alcuni sindacalisti sono spariti dopo averci fatto tante promesse, quindi non ci resta che appellarci anche alla stampa per dare voce a quello che ci spetta”. Un grido di dolore drammatico e una situazione che sicuramente va approfondita. La nostra Redazione auspica che la questione abbia un seguito concreto nel rispetto dei ruoli, affinché i lavoratori possano beneficiare dei propri diritti e avere ciò che gli spetta, in un confronto proficuo e fattivo tra le due parti in causa.