menù



Sponsor


martedì 25 luglio 2017

Si è svolta alla "Salvo d'Acquisto" la cerimonia di chiusura del XVI corso professionale per Vicebrigadieri

Nella caserma "Salvo D'Acquisto", sede del 2° Reggimento Allievi Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri, si è tenuta la cerimonia di chiusura del 16° Corso di aggiornamento e formazione professionale per allievi Vicebrigadieri dell’Arma dei Carabinieri, intitolato al Brigadiere Giuseppe Ugolini, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria.

VELLETRI - Alla manifestazione hanno preso parte il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. di Corpo d’Armata Tullio Del Sette, il Comandante delle Scuole dell'Arma, Carmine Adinolfi, il Comandante della Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze, Generale di Divisione Gianfranco Ca, il Comandante Cavallo del 2° Reggimento della Scuola Marescialli e Brigadieri di Velletri, Colonnello Liviano Marino, i rappresentanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, oltre alle massime Autorità civili, militari e religiose del luogo, alla presenza di una festante platea di parenti ed amici degli Allievi.
Nella Piazza d'Armi, alla presenza della “Bandiera” d’Istituto (Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri), si sono schierati dieci blocchi di formazione per complessivi 640 allievi neo promossi Vicebrigadieri, affiancati dalla Fanfara della Legione allievi Carabinieri di Roma. Al termine della rassegna dello schieramento da parte del Comandante Generale dell’Arma, è stata data lettura della motivazione della concessione della Medaglia d’oro al Valor Militare alla Memoria al Brigadiere Giuseppe Ugolini, il quale, in una giornata di grave perturbamento dell’ordine pubblico, nonostante l’eroica difesa, perse la vita a Milano il 23 giugno 1920 in seguito all’aggressione da parte di un agguerrito nucleo di malviventi. E’ seguito poi il momento degli onori ai caduti attraverso la deposizione della corona d’alloro ai piedi del monumento a loro dedicato, quindi il Comandante Generale dell’Arma ha proceduto alla consegna degli attestati di merito ai primi tre classificati nelle discipline tecniche, giuridiche e pratiche del Corso. A seguire, dopo i discorsi augurali del Comandante del 2° Reggimento, Colonnello Marino e del Comandante delle Scuole dell’Arma, Generale Adinolfi, che tra l’altro hanno voluto ricordare l’allievo graduato Carmelo Ponzio che ha perso la vita durante il corso in seguito ad un tragico incidente, ha preso la parola il Comandante Generale dell’Arma, Generale di Corpo d’Armata Tullio Del Sette, che dopo aver espresso le più vive congratulazioni ai Vicebrigadieri neo promossi per l’ambito e prestigioso traguardo raggiunto, ha voluto sottolineare il particolare momento in cui si è svolto il corso, caratterizzato dall’attuazione del nuovo decreto sul riordino dei ruoli e delle carriere, nato soprattutto per l’efficientamento delle forze armate e dell’ordine. A tal proposito, per garantire l’efficienza istituzionale ha ricordato loro che è necessario ispirarsi ai massimi valori morali e di dedicare ogni energia nell’espletamento delle importanti e delicate funzioni che ad essi competono. Ha ringraziato poi tutti gli allievi per il sacrificio e l’elevato impegno profuso negli studi per il raggiungimento dell’ambito traguardo, augurandogli le massime soddisfazioni. La cerimonia è terminata con il tradizionale sfilamento dei reparti schierati ed i successivi onori finali alla Bandiera ed al Comandante Generale dell’Arma, con un corale ringraziamento a tutti gli intervenuti. 

Altre notizie sul corso 

Il corso ha una durata di tre mesi ed è riservato agli appartenenti all’Arma dei Carabinieri che rivestono già il grado di “appuntato scelto”, vincitori di concorso interno per titoli. 

Ha lo scopo di formare e conferire la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria, di attribuire l’idoneità al comando di più militari e di aggiornare ed ampliare le capacità ad assolvere compiti di carattere operativo, addestrativo e logistico/amministrativo di livello superiore. Il corso ricomprende le seguenti attività addestrative:  tecnica professionale  tecniche investigative  diritto penale  diritto processuale penale  diritto di polizia  diritto e tecnica della circolazione stradale  diritto penale militare  polizia militare  storia dell’arma  diritti umani  informatica generale  informatica d’arma  sistema informativo interforze  armi ed esercitazioni di tiro al poligono  educazione fisica e difesa personale-tecniche di disarmo. Ogni attività prevede delle valutazioni di profitto durante il corso ed una sessione d’esami finali orali sulle principali materie tecnico-professionali e giuridiche per accertare l’idoneità a rivestire il nuovo grado di Vicebrigadiere.