menù



Sponsor


martedì 25 luglio 2017

"Partendo da Venezia": domenica sera si è svolta la prima proiezione di "Partendo da Venezia"

Nell'ambito della rassegna cinematografica "Cinema sotto le stelle", nella serata di domenica in Piazza Cesare Ottaviano Augusto è andata in scena la prima proiezione di "Partendo da Venezia", film scritto e diretto da Fernando Mariani.

VELLETRI - Non è di certo una novità che il "ProdeFernando", così come è soprannominato, abbia questa forte passione per il cinema che lo ha portato a diverse interpretazioni e soprattutto a contatto con molti attori di fama nazionale.
Prima della proiezione, un omaggio a Paolo Villaggio - che Mariani stesso aveva conosciuto - recentemente scomparso. Poi brevemente la parola a Stefano Natale, amico d'infanzia di Carlo Verdone, quest'ultimo imitatore, da Natale stesso, della famosa scena della telefonata che ha reso celebre, tra i tanti successi, il protagonista di Viaggi di nozze. Il film, invece, è stato molto drammatico: come ha specificato lo stesso Mariani nella premessa l'obiettivo era quello di "delineare la drammaticità di questi tempi, dove la crisi distrugge le famiglie e la cronaca è sempre più piena di episodi gravi".

"Affronto - ha concluso Mariani - forti tematiche sociali in questo mio lavoro, e spero che vi piaccia. Ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato e sostenuto". Senza riportare fedelmente la trama per non rovinare la sorpresa a chi dovrà ancora vedere la pellicola, la storia ha comunque dei connotati tragici: un padre di famiglia, costruttore, inizia con un dissesto finanziario che lo porterà in mano agli strozzini. I guai non si fermano perché un terribile incidente porterà alla morte della figlia, che farà cadere in depressione anche la madre. Alla fine, ridotto a chiedere l'elemosina e allo stato di clochard, il protagonista, Gianni, morirà. Una riflessione sugli effetti dei tempi difficili, in un film che è stato interamente girato tra Velletri e Venezia.
Riconoscibili molti ambienti della nostra città, dalla stazione ferroviaria alla scala mobile, passando per Porta Napoletana e la stessa Piazza del Comune. Il cast è stato completamente composto da attori del territorio, molti dei quali presenti nel pubblico, e alla fine una giuria scelta al momento, composta da Gianni Molisina, Ornella Evangelisti, Rocco Della Corte e Stefano Natale, quest'ultimo in qualità di direttore, ha decretato la migliore interpretazione maschile (assegnata a Fernando Mariani) e la migliore interpretazione femminile (assegnata a Patrizia Audino).