menù



Sponsor


martedì 13 giugno 2017

Una strada o una piazza per Enrico Berlinguer: un omaggio al segretario PCI che morì nel 1984

Una proposta arriva da Roberto Leoni per intitolare una via, una piazza o un parco al segretario del Partito Comunista Italiano Enrico Berlinguer, che morì nel giugno 1984. 

VELLETRI - Un segretario politico molto apprezzato, che ha saputo leggere al meglio in tempi e condurre il partito a risultati importanti, ineguagliati, costruendo una struttura forte nonostante la dialettica interna molto attiva e proficua. Uomo integerrimo, dalla comprovata onestà e rettitudine, che ha fatto proprio della "questione morale" uno dei caratteri principali della sua esperienza politica.
Nella proposta si legge testualmente: "In questo difficile momento storico, la cui tenuta delle istituzioni democratiche è minacciata da una crisi economica, politica, sociale e morale, pensiamo che sia utile oggi riscoprire il valore dell’onestà, dell’umiltà, della modestia e della passione politica attraverso la figura di un grande leader politico quale è stato Enrico Berlinguer, segretario del Partito Comunista Italiano dal 1972 fino alla tragica morte, avvenuta nel giugno 1984. A oltre 31 anni dalla scomparsa e nel 93° anniversario della nascita, alla luce del fatto che nella nostra città non è stata ancora intitolata una strada e/o un bene ad Enrico Berlinguer, esempio positivo da imitare e modello guida per tutti i giovani che si battono per una società diversa, più giusta, moralmente incorrotta e per la risoluzione della Questione Morale, di cui Berlinguer fu il massimo interprete i sottoscritti cittadini di Velletri chiedono di procedere con l’intestazione di una via/piazza/parco/bene ad Enrico Berlinguer in una zona centrale della città, così come già accaduto in diverse altre città. Questa pagina è stata pensata per promuovere e sostenere la petizione per la intitolazione di una Via, di una piazza o di un bene pubblico a Enrico Berlinguer. Perché pensiamo che le sue Idee e il suo pensiero ancora attuali debbano essere da riferimento per la politica e le nuove generazioni".