Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:

mercoledì 28 giugno 2017

La “Roma perduta” di Marina Ripa di Meana nel giovedì di “Velletri Libris”

Giovedì alle ore 21.00, nella splendida cornice del Chiostro della Casa delle Culture, arriva Marina Ripa di Meana per presentare il suo libro Colazione al Grand Hotel.  

di Rocco Della Corte 

VELLETRI – Il quarto appuntamento della rassegna letteraria internazionale organizzata dalla Mondadori Bookstore Velletri-Lariano in collaborazione con la Fondazione Arte e Cultura si preannuncia interessante. La stilista Marina Ripa di Meana, volto televisivo estremamente conosciuto, torna sulla scena editoriale dopo l’esordio con I miei primi quarant’anni e altre pubblicazioni.
Nata nel 1941 presso il quartiere dei Parioli, ha legato il suo nome all’atelier di Piazza di Spagna aperto e diretto insieme a Paola Ruffo di Calabria. Negli ambienti della Roma bene, l’autrice di Colazione al Grand Hotel nel 1982 sposa Carlo Ripa di Meana avendo come testimoni Goffredo Parise e Alberto Moravia. Con quest’ultimo c’era già una pregressa amicizia, così come con Pier Paolo Pasolini, e le sue frequentazioni con intellettuali e scrittori sono state spesso raccontate in varie interviste. Testimone di nozze del marito fu invece il leader socialista Bettino Craxi, con la quale anche la Ripa di Meana mantenne sempre un rapporto di amicizia. La sua produzione comprende, oltre alle opere autobiografiche, anche trame a sfondo sentimentale o romanzi gialli.
Molto nota al grande pubblico, oltre che per apparizioni televisive in talk show e reality, esperienze di regia e parentesi attoriali, soprattutto grazie alle campagne in favore di temi sociali come lo sterminio delle foche, gli esperimenti nucleari, la diagnosi precoce dei tumori. Colazione al Grand Hotel, edito da Mondadori, si propone di far rivivere la “Roma perduta” – così come evidenziato nel sottotitolo – che aveva, tra i suoi grandi protagonisti, proprio Moravia e Parise, nonché tutta una serie di intellettuali che hanno animato la dolce vita romana. L’orario è fissato per le ore 21.00 nel Chiostro della Casa delle Culture e della Musica, e dopo la conversazione con l’autore curata da Ezio Tamilia sarà possibile assaggiare buon vino e prodotti tipici del territorio.