Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




venerdì 16 giugno 2017

F&D H2O, sale l'adrenalina: domenica arriva l'Imperia, parola a Di Zazzo, Ercoli e Perillo

Domenica 18 giugno 2017 alle ore 19.30, presso la Piscina Tortuga in via Piazza di Mario, gara 1 dei play off per la massima serie nazionale. Velletri affronta Imperia, per l'attesa finale di andata.

di Rocco Della Corte

VELLETRI - Dopo una stagione esaltante, la città ha il dovere e il piacere di stringersi intorno alle ragazze che hanno portato degnamente in giro per l'Italia il nome di Velletri. La gara 1 in casa vale un pezzo di promozione nella massima serie, ed è quindi un vero e proprio appuntamento con la storia quello di domenica. A parlare, visibilmente emozionati e in piena trance agonistica, il tecnico Danilo Di Zazzo, il vice-capitano Federica Ercoli e il presidente Francesco Perillo.


Mister Di Zazzo è chiaro e si aspetta che le sue atlete diano il 101% pur di vincere: "Per questi play off - ha dichiarato l'allenatore veliterno - mi aspetto che le ragazze diano il massimo per non andare poi incontro a rimorsi e rimpianti. Fino ad oggi si sono tutte impegnate al massimo, dobbiamo aspettare domenica sereni e tranquilli, anche se non sarà facile. Da giocatore - ricorda il tecnico - ne ho giocare tante di queste gare e so cosa si prova: il formicolio allo stomaco, il non dormire i giorni prima, la paura di sbagliare. Tutte queste emozioni sono normalissime e deve essere un piacere provarle, perché si sentono solo quando si fanno cose importanti, e queste ragazze hanno già fatto una cosa importantissima che non è stata l'arrivare prime o i play off, bensì l'aver fatto conoscere e avvicinare tante persone a questo sport. Questo - ha concluso Di Zazzo - per il futuro è la cosa più importante. Io personalmente voglio solo una cosa, cioè vincere, perché ce lo siamo guadagnato sul campo con il lavoro e il sudore. Non so se questo è il finale che ci aspetta ma di certo è quello che voglio". L'ottimo test amichevole contro la Florentia, prima nel girone Nord, ha rafforzato le certezze anche nelle giocatrici. Il vice-capitano Federica Ercoli ha analizzato il momento che nel gruppo si sta vivendo, riprendendo quanto dichiarato dall'allenatore Di Zazzo: "Usciamo da una settimana in cui lo scopo principale era quello di ottenere la migliore forma fisica possibile, quindi le sessioni di nuoto l'hanno fatto da padrone. Tuttavia vi svelo un segreto: ai pallanuotisti non piace nuotare". Riguardo l'atmosfera che si respira nello spogliatoio, Ercoli non nasconde quanto prevedibile: "Il rischio di un aumento di tensione c'era, eppure il clima è rimasto il più tranquillo possibile, anche se la stanchezza si è fatta sentire. Quando fatichi insieme a tutta la squadra, però, ti pesa meno. Adesso siamo in piena preparazione tattica della partita, per noi è la parte più interessante ed è iniziato il conto alla rovescia. Alterniamo momenti d'ansia a momenti d'euforia ad altri ancora di sorpresa vedendo quanta gente si è interessata a questo nostro percorso. Fortunatamente l'amichevole di domenica ci ha aiutato a capire che l'impresa non è impossibile anche se sicuramente non scontata. Quindi l'unica cosa che mi sento di dire è "vedremo", siamo una squadra che non pensa che la partita sia finita finché non sente l'arbitro fischiare tre volte ed anche fuori dall'acqua siamo così. Perciò - ha concluso il vice-capitano - sappiamo che per ora quello che dobbiamo fare è lavorare al meglio ed aspettare che la partita finalmente abbia inizio". Un mix di impazienza, gioia, tensione e frenesia che si evince anche dalle parole del presidente Francesco Perillo, tra i principali artefici di questa straordinaria cavalcata. Il massimo dirigente dell'F&D H2O si aspetta il pubblico delle grande occasioni, ma non ha mancato di elogiare staff tecnico e rosa per la stagione disputata: "Siamo giunti a un appuntamento attesissimo. La febbre sale, così come la tensione, e la società sta cercando di mettere le ragazze in condizione di lavorare in maniera serena". Riguardo alla pressione, la risposta è affermativa: "Chiaramente c'è pressione, l'attenzione cresce, siamo molto in vista. Quello che però ci tengo a precisare è che siamo orgogliosi di poter affrontare questa partita, e non voglio essere ripetitivo ma non lo avevamo preventivato e per noi è già un successo. Siamo orgogliosi di poter giocare questa gara nella nostra città e nella nostra vasca, la Piscina Tortuga, che ci ha ospitato in tutta la stagione, con allenamenti e partite, e che non mi stancherò mai di ringraziare per il supporto e lo spazio che ci concede. Sicuramente sarà una spinta in più - ha constatato Perillo - avere la prima e la terza gara in casa, potrebbe essere decisivo". Statistiche? Il presidente non si sbilancia, ma si lascia andare ad una previsione percentuale: "Se non avessimo potuto giocare a Velletri avrei detto 50 e 50, forse così siamo 60 a 40 in termini di probabilità di vittoria". Ma Perillo sa anche quale squadra scenderà in vasca e le insidie che attendono il team di Di Zazzo: "Sappiamo perfettamente che ci troveremo di fronte una squadra molto forte, fatta di giocatrici importanti, come Mercy Stieber, vera campionessa conosciuta a livello internazionale". Oltre la centrovasca ungherese classe '74, però, la rosa della Rari Nantes Imperia è piena di ottime giocatrici: "Ci sono più individualità importanti - ha detto Perillo - molte delle quali hanno vinto scudetti recentemente. L'Imperia è stata sul tetto d'Italia vincendo scudetto e Coppa Len fino a qualche anno fa, e oggi ancora ha in rosa giocatrici d'esperienza insieme a giovani molto importanti che sono in odore di nazionale maggiore. Sarà una squadra da prendere con le molle, quadrata, e che crede nell'obiettivo". Al di là delle emozioni e dell'analisi tecnica dell'avversario, il presidente ha voluto lanciare un appello alla cittadinanza affinché sostenga con il proprio calore domenica prossima l'F&D H2O: "Ormai ci siamo e ce la giocheremo, alle ragazze non ho nulla da chiedere perché hanno già fatto più del dovuto: prime in campionato, solo una sconfitta, un cammino strabiliante. Ci giochiamo di nuovo le nostre carte e coltiviamo questo sogno, consapevoli che il gruppo molto giovane ha tanti margini di miglioramento. Mi auguro che la piscina sia piena in ogni ordine di posto e che il pubblico sia la nostra arma in più per accarezzare questo sogno". L'appuntamento è alle 19.30 presso la Piscina Tortuga, Velletri sfiora un sogno mai visto e la città deve stringersi intorno a queste giovani atlete che hanno già dimostrato di avere un talento non comune.