Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




lunedì 22 maggio 2017

Pienone per il concerto della sezione strumentale dell'Istituto Comprensivo Velletri Nord al "Tognazzi"

Un venerdì molto importante per l'Istituto Comprensivo Velletri Nord: la sezione strumentale si è esibita in uno splendido concerto al Teatro Tognazzi di Velletri.

di Rocco Della Corte

VELLETRI - Sotto la direzione artistica della professoressa Maria Rosaria Perillo, i ragazzi dell'Istituto Comprensivo Velletri Nord hanno potuto dare prova della loro bravura e dei loro progressi in campo musicale con una esibizione completa e ricca, sia nel repertorio che negli strumenti utilizzati.
Dopo il benvenuto ai numerosi presenti, che hanno riempito platea e galleria del "Tognazzi", Maria Rosaria Perillo ha dato la parola a Roberto Becchimanzi, direttore del Teatro. Quest'ultimo ha lodato l'Istituto Comprensivo "Velletri Nord" per il progetto innovativo e per la qualità del lavoro svolto dalla sezione strumentale, destinata a divenire fiore all'occhiello e spazio all'avanguardia per i giovani studenti. Ha portato il suo saluto anche il Dirigente Scolastico, dottoressa Gaetana Gina Di Ruzza, la quale visibilmente emozionata ha ringraziato i tanti genitori presenti ribadendo di aver sempre creduto nella fondazione di una sezione strumentale e ringraziando quindi tutti i docenti che hanno coordinato i ragazzi.

La serata si è aperta con la lettura di tre poesie tratte da una raccolta pubblicata da Arianna Zuccaro, docente della Scuola Media "Mariani". Poi è stata la volta dei ragazzi, che nonostante la giovane età e, per molti, la prima volta su un palco, hanno dimostrato di aver appreso appieno l'insegnamento dei loro docenti. La professoressa Perillo ci ha tenuto a precisare che quasi tutti hanno iniziato da poco a lavorare sui vari strumenti, ma l'armonia dell'orchestra e le varie classi (flauti traversi, flauti dolci, chitarra, percussioni, pianoforte) hanno dato il meglio senza commettere alcun errore. Una grande soddisfazione sia per i ragazzi che per i loro genitori, nonché per il corpo docente della scuola che ha curato le singole parti: i professori Giuseppe Rossi, Chiara Strabioli, Bruno Previtali, Sara Contadini, Giulio Cintoni, Matteo Martizi e Maria Rosaria Perillo hanno visto i frutti di un lavoro di crescita costante durante l'anno da parte degli alunni. Impegnativo, come si accennava, lo stesso repertorio, che ha spaziato dall'Aria sulla quarta corda di Bach a Per Elisa di Beethoven in un mix davvero coinvolgente.
Al termine della serata a parlare al nostro Giornale è stata proprio la professoressa Maria Rosaria Perillo, curatrice della direzione artistica, la quale visibilmente soddisfatta ha voluto elogiare gli studenti - ben novantacinque - e fare alcuni ringraziamenti: "La sezione strumentale si è formata nel 2015-2016 grazie alla volontà del Dirigente Scolastico Gaetana Gina Di Ruzza, che ha saputo perorare la causa al MIUR ottenendo l'insegnamento di quattro strumenti: pianoforte, percussioni, chitarra e flauto. Ho avuto l'incarico di responsabile della sezione e la direzione artistica degli eventi, con mio grande onore. Dopo venti anni di precariato nelle scuole del Lazio per me è stato un sogno che si è realizzato, e verso cui ho dedicato tutto il mio entusiasmo e la mia passione coinvolgendo sempre anche gli alunni delle sezioni curriculari. Venerdì sera abbiamo realizzato il primo vero concerto, che ci ha regalato forti emozioni e ripagato del lavoro svolto. Un plauso lo voglio fare a tutti i colleghi, che hanno collaborato alla realizzazione del progetto con professionalità e passione. Un ringraziamento va ovviamente al Dirigente Scolastico, al direttore del "Tognazzi" Roberto Becchimanzi, ai genitori che hanno creduto nella nostra Scuola e sostenuto il nostro progetto. Ringrazio anche il presidente del Consiglio d'Istituto Guido Granese e il vice-Sindaco Marcello Pontecorvi, presenti in prima fila".
La serata si è conclusa con la lettura della "Suonatina" di Montale a cura della professoressa Linda Maggiore. Davvero una bella soddisfazione per una realtà sempre più importante nella città di Velletri, che ha saputo emozionare e dare quel tocco di speranza nel futuro vista la giovane età dei musicisti. Il motto della serata, "La musica è un terreno nel quale lo spirito vive, pensa, fiorisce", dalla massima di Beethoven, risulta quanto mai consono per descrivere l'atmosfera che si è respirata al "Tognazzi" venerdì sera.