menù



Sponsor



sabato 20 maggio 2017

L'angolo del computer: nuovi potenti processori in arrivo

Nonostante il calo di vendite dei pc, soprattutto desktop, l’industria informatica continua la ricerca e la commercializzazione di processori sempre più performanti. 

di Stefano Ruffini


Dopo il recente debutto dei processori Ryzen della società AMD, la concorrente Intel ha annunciato, o meglio ha fatto trapelare la notizia, l’introduzione di una nuova gamma chiamata I9.
Come si evince dalla sigla, successiva ad I3, I5 ed I7, si tratta di processori molto potenti che invoglieranno all’acquisto gli utenti più esigenti di performance, quindi chi si dedica al Cad, all’editing video ma anche i patiti dei videogame settati con le opzioni “più estreme”. I nuovi I9 saranno venduti a partire da fine Giugno (il più potente da Agosto), quindi chi ha intenzione di comprare o assemblarsi in questo periodo un “super-pc” valuti bene se convenga prendere un attuale I7 o aspettare un po’ per acquistare un I9. Contemporaneamente verranno messi in commercio anche dei nuovi I7 quad-core anch’essi con caratteristiche al top. Non si conoscono ancora i prezzi ma ovviamente non saranno popolari, presumibilmente oscilleranno tra i 300 ed i 1000 dollari (come minimo!) a seconda del modello. Le caratteristiche dei primi quattro processori I9 sono eccezionali: 6, 8 , 10 e 12 Core (dodeca-core: una novità assoluta!) con 12, 16, 20 e 24 thread, 8, 25, 11, 13,75 e 16,5 Mbyte di Cache L3 con frequenza di clock che andrà da 3,3 a 3,5 Ghz ma che con il turbo boost potrà arrivare tranquillamente a 4,5 Ghz, frequenza che sarà toccata anche dai nuovi I7. I “core” sono i microprocessori all’interno del processore che rappresentano vere e proprie unità elaborative a se stanti. Se il programma e/o il sistema operativo è progettato per sfruttarli si avrà una maggiore velocità di calcolo in quanto più operazioni potranno essere svolte nello stesso momento; viceversa in caso di programmi vecchi o poco evoluti serviranno a poco. Se i core sono delle unità di calcolo fisiche i thread sono invece unità logiche; anch’esse come i core servono al parallelismo di calcolo e quindi ad aumentare le prestazioni. La cache è una piccola memoria velocissima che ha il compito di ridurre gli accessi alla RAM (la memoria volatile principale) mantenendo una copia dei dati più utilizzati. La frequenza di clock è la velocità di calcolo di un singolo microprocessore; più è alta e più i calcoli verranno eseguiti velocemente. Visto il consumo di corrente che con il massimo carico si aggirerà intorno ai 140 W questi I9 della Intel saranno montati sui pc desktop di fascia alta equipaggiati con le nuove motherboard dotate di socket LGA2066 (denominato anche R4, in pratica lo zoccolo dove alloggiare l’I9) che saranno in vendita nello stesso periodo di commercializzazione dei nuovi processori.