giovedì 6 aprile 2017

Musica InVita: il Liceo A.Landi incontra l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Nel pomeriggio di Sabato 1 aprile, presso l’Auditorium della Casa delle Culture e della Musica di Velletri, si è tenuto il concerto Musica InVita. 

di Camilla Giuliani
III B Liceo Scientifico "Ascanio Landi" di Velletri


VELLETRI - Ad esibirsi è stato il Quartetto Felix dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, formato da quattro musicisti campani.
Il Dirigente scolastico del Liceo Ascanio Landi, il Prof Roberto Toro, e l’Assessore alle Finanze Marilena Ciarcia, nonché professoressa del Liceo, hanno dato il saluto introduttivo spiegando come questo evento sia nato dal progetto di “Alternanza Scuola-Lavoro” che ha visto collaborare il Liceo scientifico di Velletri con la prestigiosa Accademia. Nel mese di febbraio ,infatti, dieci studenti iscritti al terzo anno hanno avuto la possibilità di seguire uno stage formativo di due settimane presso l’Auditorium Parco della Musica a Roma. L’obiettivo? Curare la realizzazione di un evento musicale importante come il concerto Musica InVita. Grazie alle lezioni tenute dal Quartetto Felix, i ragazzi del Landi si sono avvicinati con competenza alla musica classica e alla musica da camera. E’ importante sottolineare che una delle finalità del progetto era proprio quella di proporre ai giovani questo repertorio musicale, troppe volte etichettato da loro come “noioso”.

L’obiettivo è stato raggiunto con il debutto del quartetto nella mattinata dello stesso 1 aprile, con un’esecuzione riservata agli studenti del Liceo Landi. Il concerto ha riscosso molto successo anche nel pomeriggio. Il Quartetto Felix ha allietato una sala gremita con due importanti brani, un quartetto di Wolfgang Amadeus Mozart e uno di William Walton. Merita ricordare che nella stessa giornata , nel chiostro della Casa delle Culture, è stata esposta una mostra di pregevoli disegni a matita eseguiti nell’ambito del progetto “Corporis Imago”, voluto dalla Prof.ssa Nicoletta Battaggia, in ricordo della studentessa del liceo Aurora Guglielmetti, venuta a mancare lo scorso anno. Visto l’entusiasmo del pubblico e l’ottimo risultato conseguito con il progetto, gli studenti coinvolti e il Liceo sperano che questo possa essere solo l’inizio di una duratura e proficua collaborazione con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.