menù



Sponsor

mercoledì 1 febbraio 2017

Pallanuoto, seconda vittoria in due gare per la Fortitudo Domus Pinsa: battuta l'Acquachiara

F&D Fortitudo Domus Pinsa – Acquachiara ATI 9 – 6 



VELLETRI -  F&D Fortitudo Domus Pinsa, 2 partite, 2 vittorie, Ancona annichilito sul proprio campo nella prima giornata, Acquachiara domata con grinta e carattere alla seconda; totale: 6 punti in classifica, 19 gol fatti, 11 subiti e primato in classifica in coabitazione di 3T Sporting Club e Flegreo.
Numeri che nessuno avrebbe potuto sognare così sorridenti poco meno di 10 giorni fa, quando il campionato di Serie A2 femminile ancora doveva iniziare. “Devo dire che sono soddisfattissimo del nostro inizio di campionato”, ci dice il responsabile tecnico e presidente di F&D a fine gara, “Abbiamo avuto un inizio davvero esaltante che, probabilmente, non ci aspettavamo neanche noi. Con questo non voglio nascondermi, perché eravamo e siamo consapevoli di avere una buona squadra e un ottimo gruppo di atlete, ma, quando abbiamo visto il nostro calendario con la prima, difficilissima trasferta ad Ancona, e la seconda con l’appena retrocessa Acquachiara, abbiamo sicuramente storto la bocca. Oggi, al contrario, possiamo gioire e compiacerci di aver battuto entrambe le squadre e per di più con delle prestazioni importanti. Questo significa che il nostro obiettivo dichiarato di stagione, la salvezza, è più vicino di 6 punti. Non è il momento per montarci la testa ma solo quello di continuare ad allenarci e proseguire su questa bellissima strada che abbiamo imboccato. Il resto lo vedremo più avanti. Una cosa è certa, oggi posso essere davvero orgoglioso del nostro progetto. Tutto fila per il verso giusto e le scelte che abbiamo fatto con Danilo ci stanno ripagando dei risultati ottenuti. È presto per fare bilanci, ma dopo due vittorie così credo che possiamo permettercelo”. È un Perillo raggiante e che testimonia l’umore di un ambiente che risente di un vento di vittorie che gonfia le vele dell’entusiasmo. Un entusiasmo contagioso che ha ripagato i tantissimi, quasi 300 spettatori, che in modo educato e onesto hanno riempito nel pomeriggio di oggi gli spalti della piscina Tortuga. Uno spot per la pallanuoto. Che ha ripagato tutti con delle giocate degne di una Serie A2 femminile di alto livello. Entrambe le squadre hanno tra le proprie fila atlete di importanza nazionale e internazionale e questo ha aiutato lo spettacolo. La gara è stata in bilico per i primi due quarti dove le squadre si sono affrontate a viso aperto. Al break iniziale delle campane che si sono portate sul 3-1 grazie alla tripletta di una ispiratissima De Magistris e vera spina nel fianco delle padroni di casa per tutto l’arco dell’incontro, hanno risposto Sathitanon con una bomba da fuori, Clementi con una splendida conclusione da posizione 4 ed Ercoli con una deviazione dai due metri in superiorità per il momentaneo 5-4. Pareggio sul finire del secondo quarto di Esposito. Il terzo tempo è stato quello che ha consentito il primo allungo gialloblu. Pronti via e Bagaglini va in rete nel suo modo migliore, facendo un fantastico coast to coast in contropiede. Da sottolineare il lancio millimetrico di capitan Minopoli che ha messo la compagnia in condizioni di battere a rete indisturbata. Tutto il terzo tempo è un continuo batti e ribatti di superiorità da una parte e dall’altra. Hanno la meglio le difese, con Minopoli in grandissimo spolvero a chiudere tutte le sortite offensive delle ospiti. La svolta a 2’37” dal termine quando Sathitanon si porta a spasso tutta la retroguardia napoletana e va a conquistare di prepotenza un tiro di rigore poi trasformato da Antonacci. Ultimo quarto che si apre con il -1 di Foresta in superiorità. La partita è ancora aperta ma, Sathitanon, fa vedere a chi ancora avesse dei dubbi, che non è in Italia per caso. Viene servita nel centro e da sott’acqua, con il marcatore attaccato al collo, lascia partire un bolide che piega le mani all’estremo difensore ospite e fa esplodere la tribuna veliterna. La partita però non è ancora chiusa. In una delle poche disattenzioni della retroguardia di casa, Esposito trova il guizzo per il nuovo -1. Mancano ancora 3’25” e la partita è tutta da giocare con gli animi ormai alle stelle da una parte e dall’altra. Le padroni di casa hanno l’opportunità di chiuderla nella seguente superiorità numerica, ma il grande tiro di De Marchis scheggia il palo con la palla che danza sulla linea di porta; nonostante tutto il pubblico di fede F&D invochi a gran voce la rete, il direttore di gara Baretta non è della stessa opinione e lascia correre comminando poi sul capovolgimento di campo una incredibile espulsione ad Ercoli rea di aver difeso con entrambe le mani fuori dall’acqua. L’Acquachiara organizza la superiorità sfruttando il time-out ma la difesa di Di Zazzo è attenta e, non solo evita la rete, ma lancia Mordacchini come una freccia in contropiede che porta Sathitanon a concludere per il nuovo +2. Questa volta è la mazzata finale per le napoletane che non riescono a reagire ancora una volta e incassano il definitivo 9-6 ancora su un contropiede magistralmente portato da Bagaglini e finalizzato da Zenobi.


Parziali: 2-3, 2-1, 2-0, 3-2 F&D Fortitudo Domus Pinsa: Minopoli, Maggiore, Sathitanon 3, De Marchis, Zenobi 1, Rosini, Antonacci 1, Clementi 2, Passaretta, Ercoli 1, Turchi, Bagaglini 1, Mordacchini. All. Di Zazzo. Carpisa Yamamay Acquachiara: Iaccarino, Esposito 2, De Magistris 3, Riumolo, Migliaccio, Bottoglieri, Mazzola, Toraldo, Iavarone, Foresta 1, Baranovicova, D'Antonio. All. Damiani. Arbitro: Baretta Sequenza reti: 1-0, 1-3, 4-3, 4-4, 6-4, 6-5, 7-5, 7-6, 9-6.