menù



Sponsor

sabato 11 febbraio 2017

Lorenzo Surpoli, già vicecampione italiano di ginnastica con la maglia della Velitrae, verso i prossimi mondiali di Calisthenics

Nel 2007 Lorenzo Surpoli sfiorò a Prato il titolo di Campione d’Italia di ginnastica artistica maschile nella categoria Allievi con la maglia dell’Associazione Ginnastica d’Italia.

di Livio Mastrostefano


Sfortunatamente, un infortunio alla spalla costrinse il giovane ginnasta ad abbandonare precocemente uno sport che gli avrebbe regalato senz’altro grandi soddisfazioni.
L’amore per lo sport, nonchè la ricerca del virtuosismo e della perfezione nei gesti atletici, non abbandonò mai Lorenzo e oggi, a distanza di dieci anni, quel promettente ginnasta è diventato uno dei più bravi atleti in Italia di Calisthenics e si prepara a scalare le classifiche internazionali. Il Calisthenics nasce come un metodo di allenamento fisico in grado di costruire un fisico muscoloso, agile e funzionale esclusivamente attraverso l’allenamento a corpo libero. Un metodo legato alla ginnastica artistica, con cui condivide alcuni esercizi e soprattutto l’attenzione alla corretta esecuzione dei movimenti, fondamentale per allenarsi in maniera costante senza incorrere in infortuni fisici. Quello che invece li differenzia è la diversa rigidità degli schemi e dell’ambiente di lavoro: la ginnastica artistica si può praticare esclusivamente in palestre attrezzate, il Calisthenics, invece, si può praticare in palestra, a casa, all'aria aperta, un po’ ovunque tanto da essere definito uno Street WorkOut. Ma lo stesso Lorenzo ci tiene a puntualizzare alcuni aspetti: “Il Calisthenics è uno sport dove l'unico strumento che si utilizza è il proprio corpo cercando di sfidare la gravitá. Lo scopo del vero Calisthenics, quello praticato dagli atleti a livello agonistico, è l'aumento della forza ed il raggiungimento di figure chiamate skills (esercizi) sempre più complesse.” E precisa: “È ormai comune dire il Calisthenics deriva dalla ginnastica artistica o che è la ginnastica dei poveri, ma posso dirvi che non c'è niente di più sbagliato. È vero che il Calisthenics presenta alcuni elementi presi dalla ginnastica artistica, sono il primo a confermarlo, ma la differenza è che questi elementi sono stati portati a un livello superiore, così elevato che solo per alcuni atleti sono possibili determinati movimenti, lasciando invece alla grande massa soltanto un "non è possibile". Lorenzo ha le idee chiare anche in merito ad un riconoscimento del Calisthenics come disciplina olimpica: “Secondo me il Calisthenics dovrebbe assolutamente essere una disciplina riconosciuta dal CONI. Togliendo alcuni esercizi ripresi dalla ginnastica e con le dovute evoluzioni, il Calisthenics presenta molti esercizi che sono stati inventati solo dagli atleti praticanti questa disciplina e che non esistono in nessun altro sport. Per questo penso che il Calisthenics sia uno sport unico nel suo genere e che vada presa in seria considerazione un riconoscimento all’interno del circus olimpico.” Lorenzo non ha mai dimenticato l’Associazione Ginnastica Velitrae nella quale ha imparato ad amare la ginnastica e lo sport agonistico: “Mi alleno a casa dove mi sono creato tutta l'attrezzatura necessaria. I miei prossimi obiettivi sono il campionato nazionale che si terrà a Rimini nel mese di Giugno e poi un trofeo internazionale ad Agosto. Voglio raggiungere una forza fuori dal normale e, ovviamente, partecipare ai prossimi Campionati Mondiali di questa disciplina. Intanto collaboro come istruttore presso la palestra dell’Associazione Ginnastica Velitrae dove seguo un corso avanzato di Calisthenics. Per qualsiasi curiosità, informazioni o domanda su questa fantastica disciplina sportiva mi troverete tutte le sere lì.”