Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




mercoledì 22 febbraio 2017

Lariano ricorda il Furioso di Ariosto nel quinto centenario alla Biblioteca Comunale

In occasione del quinto centenario della prima edizione dell’Orlando Furioso, il poema cavalleresco il Comune di Lariano, in collaborazione con la biblioteca comunale e con l’Istituto comprensivo “A. Campanile”, ha organizzato tre incontri dedicati alla presentazione del capolavoro dell’autore emiliano. 

di Alessandro De Angelis


LARIANO - “Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori”. La materia cavalleresca come metafora della eterna condizione umana” questo è il titolo della lodevole iniziativa culturale. L’iniziativa, curata dalla professoressa Maria Grazia Gabrielli, nonché consigliere comunale di Prima Lariano, è rivolta a tutti i ragazzi delle classi seconde medie dell’Achille Campanile e si svolge presso i locali della biblioteca comunale ed è aperta a chiunque voglia partecipare. 

Nel pomeriggio di Giovedì 16 Febbraio alle ore 15 si è svolto il primo dei tre incontri in programma con la presenza della classe seconda E della scuola media Achille Campanile accompagnata dal professor Vittorio Frosi. Presente all’incontro anche l’assessore alla pubblica istruzione Maurizio Mattacchioni. La professoressa Maria Grazia Gabrielli ha introdotto l’incontro affermando:” in occasione del quinto anniversario della prima edizione del grande poema cavalleresco di Ludovico Ariosto “L’Orlando Furioso” questa amministrazione molto sensibile al tema della cultura, in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Lariano ha voluto organizzare una serie di incontri dedicati al grande autore emiliano e al grande capolavoro dell’Orlando Furioso, coinvolgendo le classi seconde medie dell’Achille Campanile. Sono trascorsi 500 anni dalla prima edizione di questo grande poema cavalleresco, una delle più importanti opere del Rinascimento che ha avuto tre edizioni. L’Ariosto in questo poema riprende la materia cavalleresca, e la tratta in maniera diversa rispetto al poema La Chanson De Roland, e rispetto alla tradizione medievale. Nel poema composto da 46 canti, si parla in maniera centrale della sua passione per Angelica, la donna che ama per la quale quasi diventa pazzo quando scopre che lei è innamorata di Medoro, per poi recuperare l’equilibrio e dare un contributo importante alla guerra ai saraceni”. Tre sono i filoni dell’opera: la guerra tra musulmani(saraceni) e cristiani, le traversie amorose con Angelica, e l’amore tra Ruggero cavaliere pagano e Bradamante guerriera cristiana. E’ un’opera caratterizzata movimento con la centralità del tema dell’inchiesta e un susseguirsi di intrecci e metafore che caratterizzano il poema dall’autore emiliano”. Durante l’incontro sono state proiettate delle slide e un breve video sull’opera e i ragazzi molto entusiasti hanno partecipato attivamente facendo domande e mostrando verso la materia un notevole interesse. La professoressa Maria Grazia Gabrielli ha ringraziato il personale della biblioteca comunale per la preziosa collaborazione e la scuola media Achille Campanile. I due successivi incontri rivolti alle classi seconde medie ma aperti a chiunque voglia partecipare si svolgeranno presso la biblioteca comunale di Lariano lunedì 20 febbraio alle 11.00 e l’ultimo incontro mercoledì 22 febbraio alle ore 9.00.