menù



Sponsor


martedì 7 febbraio 2017

Giorgio Greci ha incontrato gli agricoltori: "Farò tesoro dei vostri suggerimenti per il rilancio di Velletri"

Voglia di fare, capacità di ascolto e propensione al dialogo sono state solo alcune delle qualità messe in mostra dal dottor Giorgio Greci dopo l'annuncio ufficiale della sua candidatura. 

Ufficio Stampa

VELLETRI - Se l'11 dicembre aveva rotto gli indugi rendendo pubblica la sua decisione di candidarsi a Sindaco in vista delle Amministrative del 2018, calamitando consensi ed apprezzamenti trasversali, nella mattinata di domenica 5 febbraio Greci ha iniziato il suo primo dei tanti incontri programmatici, in cui andrà a toccare (anche più di una volta) tutti i versanti di vita cittadina ritenuti meritevoli di approfondimenti, ritrovandosi direttamente al fianco di chi certe tematiche e certi problemi li vive in prima persona, quotidianamente.
Presso il Velidance di via dei Fienili è andato quindi in scena l'incontro coi produttori agricoli, che hanno risposto in maniera massiccia alla proposta di confronto partita dal noto cardiologo veliterno. Se 'Con Voi per Velletri' è stato lo slogan che ha accompagnato l'ufficializzazione della sua candidatura, proprio quel motto andrà a caratterizzare tutto il percorso di avvicinamento al giorno in cui idee e propositi finiranno al vaglio dei cittadini elettori. In questo filone s'inserisce l'incontro con gli agricoltori, che hanno accolto benevolmente i propositi di Giorgio Greci, che ha palesato loro la propria intenzione d'impegnarsi attivamente per la rinascita del settore, prendendo di petto i problemi ed esaltando le specificità e le potenzialità del territorio. Dagli stessi agricoltori, intervenuti in maniera massiccia, senza esimersi dal prendere il microfono e palesare i propri bisogni e aspettative, Greci ha potuto far tesoro di proposte e suggerimenti, non senza essere esentato degli elogi di chi ha visto in lui, in qualità di presidente dell'apposita Commissione, il fulcro della battaglia contro il Biogas, il cui progetto è stato abortito proprio in virtù dell'incisività dei lavori commissariali.
Nel suo discorso Greci non ha mancato di puntare il dito sulle carenze delle Amministrazioni Servadio in ambito agricolo, a partire dalla poca attenzione riservata al PSR, il Programma di Sviluppo Rurale: "La loro gravissima inettitudine sul tema ha recato un danno enorme a Velletri, i suoi produttori agricoli e a tutta l'economia cittadina. L'aver perduto il treno che ci avrebbe consentito di entrare a far parte della zonizzazione delle aree rurali intermedie ha penalizzato enormemente gli agricoltori. Gli strumenti per dare una svolta al versante agricolo c'erano tutti - ha proseguito - ma tale mancanza grida vendetta ed è stata gravissima, privando chi avrebbe potuto della possibilità di accedere ai fondi europei che passano anche per la Regione Lazio, tramite la formazione di GAL (Gruppi di azione locale), finalizzati a favore lo sviluppo delle aree rurali. GAL - ha evidenziato Greci - che potevano elaborare dei PAL (Piani di Azione Locale), gestendo i contributi finanziari erogati dall'Unione Europea. Si sono persi milioni di euro, arrecando un danno enorme alla nostra economia e pregiudicando, per tutti questi anni, un vero e proprio rilancio del comparto agricolo cittadino". Trovare insieme la giusta sinergia e calibrare insieme le linee programmatiche per il 2018 sarà allora il 'leit motiv' anche dei prossimi incontri.
"Sarà mia premura - ha dichiarato in chiusura Giorgio Greci - stilare un documento con tutte le istanze presentate in quest'appuntamento". Da parte dei convenuti non sono mancati svariati spunti di interesse, a conferma di quanto l'evento sia stato sentito, a partire dal suggerimento di creare un Polo agricolo d'eccellenza nella zona dei Cinque Archi, come pure l'ampliamento della centralina ortofrutticola di Rioli. Dopo aver ribadito il proprio 'no' incondizionato a qualsiasi impianto di digestione anaerobica dei rifiuti il candidato sindaco si è congedato ribadendo il proprio "impegno assoluto in favore di una Velletri che amo - ha dichiarato - e che intendo rilanciare proprio grazie alle idee che scaturiranno dal nostro impegno e dall'apporto di chiunque vorrà metterci del proprio".