Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




venerdì 24 febbraio 2017

Carcere di Velletri, giornate difficili: una sommossa e i cronici problemi di sovraffollamento attanagliano Lazzaria

Davvero una giornata particolare quella vissuta mercoledì nel carcere di Lazzaria di Velletri. 

di Massimo Costantino - FNS CISL LAZIO


VELLETRI - La Polizia Penitenziaria, durante la perquisizione ordinaria, ha trovato un cellulare ed un caricabatteria artigianale composto da sette pile stilo e due fili elettrici. I due detenuti, italiani, interessati si barricavano in cella istigando anche gli altri detenuti della sezione alla protesta.

Tutta la sezione bloccava le attività impedendo la conduzione dei due detenuti in regime di isolamento, con la pretesa di cessazione di qualsiasi attività a carico dei due detenuti ritenuti da loro non colpevoli dell' illecita detenzione e introduzione del dispositivo cellulare. Sola grazie alle provata esperienza dell'Ispettore della Sorveglianza Generale e diretto dal Comandante di Reparto si permetteva il rientro dei detenuti nelle celle. I due detenuti comunque non curanti proseguivano nelle loro celle proteste anche autolesionanadosi con lamette e solo dopo l' intervento della sorveglianza si recavano in infermeria rifiutando però l'invio in ospedale. Invio accettato successivamente e più tardi per le necessarie cure del caso . Detenuti comunque che hanno rifiutato il ricovero e sono ora sottoposti a grandissima sorveglianza e isolamento. Purtroppo nel carcere di Lazzaria preoccupa e non poco il dato del sovraffollamento. Oggi i detenuti presenti sono 593 rispetto alla capienza prevista di 411. In sostanza il sovraffollamento è di più 182 detenuti. Preoccupa anche il fatto che in detto carcere vi sono molti detenuti per ordine e sicurezza provenienti dagli istituti capitolini ed abruzzesi oltre ad ospitare casi complicati e noti ai fatti di cronaca e soggetti con gravi problemi di salute. Il personale invece risulta sottodimensionato rispetto alle esigenze reali, se si pensa che vi sono solo 200 unità compreso il comandante per n.593 detenuti. Purtroppo evidenziamo come seppur vi siano stati interventi legislativi nelle carceri restano i soliti problemi: sovraffollamento dei detenuti e cronica carenza di personale di Polizia Penitenziaria.