menù



Sponsor


mercoledì 4 gennaio 2017

Evento di solidarietà per i terremotati: a Velletri "Amatrice - Il sole dopo la tempesta 2.0"

Il Dopolavoro Ferroviario, Reseda Onlus e La Spinosa organizzano nella sede limitrofa alla stazione ferroviaria un evento di sostegno al progetto "Amatrice - Il sole dopo la tempesta 2.0".


VELLETRI - Si chiama "Befanamatriciana" l'iniziativa che si svolgerà nei locali di Piazza Martiri d'Ungheria ed ha come obiettivo la creazione di una rete solidale a sostegno delle comunità locali con i metodi della Transition Town e della Permacultura. 
L'evento si spalmerà su due giorni, giovedì 5 e venerdì 6 gennaio. Alle ore 19.00 di giovedì è previsto un aperitivo a base di patate di amatrice, che vuole sostenere l'economia agricola della popolazione terremotata. Oltre alla parte gastronomica, però, sarà presente un banchetto informativo che servirà a sensibilizzare e dare informazioni ai presenti sulla situazione di Amatrice e sulle missioni di solidarietà in programma per il centro del reatino. La difficoltà più grande nella gestione di un’emergenza come quella del terremoto che ha colpito il centro Italia nell’estate 2016 è preservare il tessuto sociale e relazionale delle comunità locali, messo a rischio non solo dal disastro del sisma ma anche dal modello attuale delle tendopoli costruite dalla Protezione Civile. È lo stesso modello che ha fallito all’Aquila sradicando di fatto la società civile. Cerchiamo invece di sostenere le persone che restano a presidiare le loro comunità, garantendogli il sostegno che altrimenti non riuscirebbero ad avere. La ricostruzione dovrà passare attraverso processi partecipati e dal basso, un piccolo modello di gestione dal basso dell’emergenza, ha già preso corpo grazie alle esperienze delle transition town e della permacultura. E’ intenzione della Reseda, come già realizzato per il terremoto del 2009 all’Aquila, dare un sostegno alla popolazione per la ricostruzione e il dopo sisma. In particolare già durante il primo intervento sia Transition Italia sia l’Istituto italiano di Permacultura ci davano il loro appoggio. Anche alcune ditte private ci fornivano appoggio e materiali. Attualmente il progetto è delineato in questo modo, prevedendo le seguenti azioni: supporto tecnico e impianti solari per le aziende agricole montane colpite dal sisma; supporto tecnico per il design in permacultura delle aziende agricole montane e per i paesi colpiti dal sisma; supporto sociale per la cittadinanza per sostenere le capacità di resilienza, di collaborazione e di azioni collettive (metodo Transition Town); supporto tecnico alla ricostruzione ecologica degli edifici.