Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




venerdì 16 dicembre 2016

1400 luci veliterne per il Luneur di Roma

Inaugurato lo scorso 27 ottobre, il celebre parco giochi simbolo del quartiere romano ha di nuovo aperto con un sistema di illuminazione costruito da una azienda specializzata di Velletri. 

di Valentina Leone 


ROMA - Ha una storia di lunga durata, cominciata nel 1953, il Luneur, il parco più antico d’Italia identificato con la sua ruota panoramica divenuta punto di riferimento e luogo di ritrovo per più generazioni.

Dopo essere stato chiuso nel 2007, il Luna Park è stato ripensato nei suoi fondamenti, mantenendo alcune giostre e scenografie storiche, ma rivolgendosi al pubblico dei più piccoli, fino a 12 anni, e dei loro genitori. L'atmosfera magica dentro la città e fuori dal mondo, come in sottofondo suggerisce la colonna sonora del parco, è un’alchimia di colori e forme, valorizzate al massimo dal sapiente progetto illuminotecnico di Marco Frascarolo, affiancato dal suo Team FABERtechnica,e realizzato dalla ILM Lighting guidata da Federico Ognibene.
L'azienda di illuminazione ILM Lighting di Velletri, nata negli anni ’70, ha avuto da sempre un ruolo di rilievo a livello nazionale, testimoniato dalla ideazione nel 1993 del primo display a led utilizzato in televisione e dalla realizzazione dell’illuminazione con i LED del Festival di Sanremo del 2004, fino a giungere, tra i molti lavori seguiti, alla produzione di apparecchi di illuminazione pensati per la Basilica di San Francesco ad Assisi. Da ultimo il prestigioso incarico di occuparsi della nuova illuminazione per Casa Italia, il quartier generale azzurro, alle Olimpiadi di Rio 2016, riconosciuto per il suo valore di promozione del prestigio di Velletri a livello internazionale dal Sindaco Fausto Servadio, il quale si è complimentato con una lettera di lode. La cura nella produzione delle apparecchiature illuminotecniche del Luneur, montate una per una a mano dagli operatori dell’azienda, ha fatto conquistare all’azienda veliterna un nuovo avamposto a Roma che rende lustro non solo lo storico parco di attrazioni, ma alla città castellana.
Nulla è lasciato al caso e ciascun apparecchio di illuminazione, esclusivamente a tecnologia LED, ha ricevuto un nome proprio che ne definisce la qualità e lo lega agli ambienti di istallazione. All’imbrunire, sopra la superficie lievemente increspata del lago che rende naturalistico il parco, si crea un clima di sospeso incanto, con luci che ovunque si rifrangono sull’acqua ed emanano in maniera soffusa il riflesso di una professionalità veliterna volta a testimoniare che a Velletri “non si produce solo il vino”.

PRESTO LA NOSTRA INTERVISTA A FEDERICO OGNIBENE