Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




venerdì 21 ottobre 2016

Pietro Piu presenta le sue “stagioni" a Porta Napoletana

“La natura è un tempio dove pilastri vivi mormorano a tratti indistinte parole; l’uomo passa tra foreste di simboli che l’osservano con sguardi familiari" (Charles Baudelaire, Corrispondenze).

di Emanuele Pignataro


VELLETRI - La natura e il suo divenire con il ritmo cadenzato delle stagioni: è questa la tematica che ha ispirato l’arte pittorica dell’artista Pietro Piu e che ha dato il nome alla mostra inaugurata presso i locali di Porta Napoletana sabato 15 ottobre.

Non appena le temperature cominciano il loro graduale declino, l'autunno si impossessa del paesaggio, creando un caleidoscopio di colori affascinanti. L'aria fresca e frizzante muta il verde delle foglie in varie sfumature di giallo, arancione e rosso. L’inverno fa pensare a colori freddi e cupi. Ad una tavolozza fatta di bianchi, grigi e marroni la natura, in questa stagione, offre una varietà infinita di sfumature e sensazioni: sono cime bianche innevate , è il silenzio che si assapora in un viale di alberi spogli respirando nell’aria l’attesa di quel che verrà.
Se è vero che ogni stagione regala ai nostri sensi diversi stimoli, altrettanto vero è che quella che porta con sé il maggior numero di colori è certamente la Primavera, E’ questo il momento in cui la natura sboccia, rinasce e si presenta con tutta la sua forza e la sua grandezza, è facile rimanere estasiati osservando le mille sfumature cromatiche; ed infine l’estate con un esplosione di colori e di rigogliosa vitalità, luce che inonda tutto, ritempra lo spirito e rinvigorisce il corpo; queste possono essere in estrema sintesi le sensazioni suscitate dalle tele che Pietro Piu ha sapientemente realizzato con il suo stile che molto risente dell’influenza dei macchiaioli - abili nel rendere le impressioni che ricevevano dal vero col mezzo di macchie di colori di chiari e di scuri. La sua pennellata e il suo modo di di stendere il colore sono il mezzo migliore per comunicare i sentimenti suscitati di fronte allo spettacolo straordinario che giornalmente ci viene offerto dalla natura.
Accostamenti e sovrapposizioni di colori sono il tema dominante delle sue creazioni dove sovente viene impiegata la tecnica della “giustapposizione” che compositamente parlando intende mettere il soggetto vicino ad un oggetto al fine di preparare il terreno per uno scenario di confronto e contrasto. La mostra, che sarà aperta tutti i giorni fino al 30 ottobre dalle ore 16, fino alle ore 19, merita a nostro modesto parere di essere visitata, un'occasione da non perdere per tutti coloro che sono amanti della cultura e delle belle arti.