menù



Sponsor

lunedì 24 ottobre 2016

Chi ama Velletri e si muove da sè per il decoro urbano: un esempio virtuoso che fa bene alla città

Dopo tante segnalazioni di incuria, finalmente arrivano anche segnali di senso civico.

di Rocco Della Corte

VELLETRI - Il nodo di scambio è forse il simbolo della società italiana degli anni 2000. Partito con tante buone intenzioni (interscambio ferro/gomma, uffici Co.tra.L., negozi e murales nel sottopassaggio) è diventato, purtroppo, il segno più tangibile della dilagante inciviltà.

I murales, fatti con tanto impegno da vari artisti locali, sono stati deturpati da scritte ignobili. L'odore di urina, le cartacce e la sporcizia spadroneggiano mentre la grande struttura in legno viene danneggiata giorno dopo giorno.
Fortunatamente c'è anche qualcuno che riesce a denunciare e riparare a ciò che è stato denunciato nello stesso tempo: la lode va fatta al cittadino e commerciante Emanuele Pignataro, titolare dell'edicola storica della stazione ferroviaria che da qualche anno si è trasferita proprio al nodo di scambio. Emanuele, che in quel luogo vive e lavora quotidianamente, non è rimasto a guardare la sporcizia e armato di detersivo e spugna ha ripulito parte della vetrata del nodo di scambio, ridandole così decoro e dignità. Già tempo prima, a cura dello stesso edicolante, erano stati affissi gli orari aggiornati degli autobus scaricati dal sito ufficiale della COTRAL.
Mentre gli uffici aziendali restano chiusi nonostante i lavori svolti mesi e mesi fa, quindi, è una bella notizia - e la diamo con piacere, considerato anche che Emanuele è un nostro collaboratore - comunicare il merito e l'orgoglio di un cittadino - ad onor del vero non l'unico - che cura il luogo in cui vive attivandosi in prima persona (e a proprie spese) per fare un gesto che, se ripetuto per ogni angolo di Velletri, ci consegnerebbe sicuramente una città più bella e vivibile. Ad Emanuele Pignataro vanno i complimenti della nostra Redazione ma anche, crediamo di poterlo dire, di tutti quei cittadini che apprezzano ciò che ha fatto: un piccolo gesto dal significato enorme.