Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




martedì 5 luglio 2016

Patto Popolare a difesa del Comitato: "Il Pd guardi le travi nei propri occhi"

"Il PD non guardi le pagliuzze negli occhi degli altri ma le travi nei suoi": esordisce così il comunicato stampa del nuovo movimento Patto Popolare per Velletri inerente alla diatriba relativa alla rappresentante del Comitato Stop Antenna divenuta assessore a Genzano.


Dopo i Cinque Stelle, anche PPV difende l'operato del Comitato attaccando invece la maggioranza dem veliterna: "Oramai è difficile che i fatti della vita e della politica che ne è l'essenza ci turbino o meraviglino più di tanto. Eppure, questo comunicato propiziatoci dal locale P.D. un pochino ci sconcerta".

"E' mai possibile che le sorti di una idea o di un convincimento come la tutela della propria ed altrui salute, possano essere contraddette da una tessera di partito o l'accettazione di un incarico politico ed istituzionale ? Del Comitato Stop Antenna non abbiamo mai ricevuto significative rassicurazioni sugli orientamenti individuali dei suoi componenti, eppure ne abbiamo apprezzato l'azione, la passione e gli intendimenti, anzi, quando e dove abbiamo potuto, abbiamo cercato di dare anche il nostro contributo, vedasi l’incontro con i cittadini avutosi il 24 giugno per informare sull’istallazione dell’antenna a Colle Tondo sulla Via dei Laghi, organizzata proprio da noi di Patto Popolare Velletri al quale il Comitato Stop Antenna ha partecipato. Così seguiteremo a fare, indipendentemente dalla collocazione che alcuni di essi intenderanno ricoprire in seno ad altre assise, movimenti o partiti che siano. Invitiamo l’assessore all’ambiente ed il segretario del P.D. di Velletri a verificare prontamente le autorizzazioni edificatorie di nuove ed eccessive antenne della telefonia mobile, oltre a quella in calendario da installarsi adiacente alla scuola elementare di Via Fontana Fiume e della struttura sanitaria del San Raffaele, in un'area che è la più densamente abitata della nostra città. È un sindaco che non fa il sindaco con chi dovrebbe (gestori dei telefoni ed ACEA) che ci preoccupa ed indispettisce, molto, molto di più di un nuovo importante ruolo che assumerà in un altro Comune una giovane e valida professionista di Velletri".