Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




lunedì 4 luglio 2016

Antenne, l'attacco del PD Velletri alla rappresentante del Comitato: "Si era sempre chiamata fuori dagli schieramenti e ora è assessore"

Dura nota del PD di Velletri, che passa al contrattacco nei confronti della rappresentante del Comitato Stop Antenna Pamela Pezzotti. In una nota stampa i democratici veliterni commentano la nomina ad assessore a Genzano dell'esponente del Comitato. 


"Salire sul carro dei vincitori è una pratica trasversale che non ha risparmiato neanche Pamela Pezzotti neo assessore del M5s a Genzano e fino a poche ore fa a capo del comitato «apolitico» contro le Antenne di Velletri. Per quanto ci riguarda nessuna novità, il sindaco aveva già anticipato il trasformismo della Pezzotti durante l’ultimo consiglio comunale nel quale era evidente l’asse con il consigliere del M5s di Velletri.

Nulla di strano ovviamente se non fosse che la Pezzotti si era chiamata fuori dagli schieramenti politici, anche se è sempre stata poco credibile vista la quasi militanza con il centro destra veliterno durante tutte le riunioni che ha svolto con il “suo” comitato. A restarci con un palmo di naso sono stati proprio gli esponenti di Fratelli d’Italia e Giorgio Greci che l’avevano già scritturata per un ruolo futuro nella loro compagine; si erano fatti ammaliare dall’incantatrice Pezzotti alla ricerca, evidentemente, solo di una poltrona. Si spiega così anche il goffo approccio avuto dal capo gruppo di Fratelli d’Italia durante la discussione nell’ultimo consiglio comunale, spiazzato dal trasformismo della sua mentore che aveva abbracciato altra causa evidentemente. «Non vi è nulla di nuovo sotto il sole» come diceva Arthur Schopenhauer. Probabilmente adesso s’indigneranno i cittadini che hanno pagato bei soldini per fare i tanti ricorsi “fotocopia” al Tar contro l’amministrazione comunale, tutti respinti com’era ampiamente prevedibile data la scarsa qualità delle argomentazioni addotte e la regolarità con il quale l’amministrazione aveva agito. Decine di migliaia di euro sborsati da ignari cittadini che non avevano capito di finanziare l’ascesa politica del comitato in tutte le sue articolazioni. Un modo per confondere i cittadini e per cavalcare le loro paure con il solo scopo di trarre visibilità personale. E facendo un semplice parallelo, visto che le facce sono sempre le stesse, viene da pensare che anche dietro agli altri comitati cittadini si stiano annidando vecchi tromboni della politica locale e nuovi avventurieri in cerca d’autore… con buona pace di chi aveva creduto nella buona fede dell’impegno “apolitico”. Se questo è il nuovo che avanza allora c’è veramente da stare allerta e impedire che rigurgiti populisti uniti a nuove ambizioni possano arrecare danni seri alle nostre comunità".

Nota stampa a cura del PD Velletri