menù



Sponsor

martedì 28 giugno 2016

Diario di un viaggio/6

Il martedi lo passiamo girando per l' Avana vecchia. Noi veterani facciamo da"guida, illustrando la città a chi è qui per la prima volta e rinfrescando la memoria a chi è già passato di qua. 

L'indomani 4 maggio andiamo a visitare La Escuola Naciònal de Arte, della quale fa parte la Scuola Nazionale di Danza Moderna e Folkloristica, ad attenderci, Luisa, la direttrice, Moraima, la cantante, Pepe, il primo ballerino e tutte le ragazze e i ragazzi della Scuola.


Con loro abbiamo un ottimo rapporto, sono venuti in tournèe in Italia per diversi anni, e si sono esibiti anche qui a Velletri a Piazza Cairoli, ormai 10 anni fa, era luglio del 2006, Luisa ci guida per le varie sale della struttura e dappertutto vediamo ragazzi e ragazze che provano assistiti dai loro insegnanti, si tratta di una scuola tra le migliori del paese nel suo campo, costruita nel 1965, ci dice la direttrice, e a sorpresa ci offrono un saggio, un’anteprima del loro prossimo spettacolo. Alla fine tutti nell'ufficio di Luisa per un rinfresco e alcune foto di rito. La direttora - come viene chiamata - ci lascia un riconoscimento a nome di tutta la scuola perchè gli abbiamo portato in regalo un nuovo lettore CD, che verrà, utilizzato come base musicale per le prove degli spettacoli. Verso l'ora di pranzo ci salutiamo con l’auspicio di avere molto più tempo di stare insieme la prossima volta che verranno in Italia. Dopodichè ci rechiamo al Parque Lenin, dove sorge il monumento a Celia Sanchez, eroina della Rivoluzione e prima donna a salire sulla Sierra per unirsi alla guerriglia e combattere, tanto da meritarsi il nome di Fiore della Sierra Maestra. Celia è morta nel 1980 e qui in questo luogo che lei amava e dove passava molto tempo gli hanno eretto un monumento alto circa tre metri. Era d’obbligo per noi a visitare questo posto, così caro ad un’eroina della Revoluciòn . Nel pomeriggio insieme ad una coppia di amici del luogo mi reco prima alla Finca Vija, la casa di Hernest Heminghway, luogo che avrei voluto visitare in passato ma che non mi era stato possibile: davvero un’esperienza indimenticabile. Si ha la sensazione che l’anima del grande scrittore si aggiri ancora tra le mura della villa o nelle vicinanze del Pilar, la famosissima imbarcazione, protagonista de” Il vecchio e il mare”, o ai bordi della piscina dove sono sepolti i suoi cani, che lo scrittore tanto amava. Proseguiamo poi per Cojmar il villaggio di pescatori che il Nobel per la Letteratura frequentava e dove si respira ancora l’atmosfera del romanzo. Anni fa ero stato in questo luogo ma non mi fu possibile per un contrattempo conoscere di persona il mitico Gregorio Fuentes, il marinaio, che all’epoca era ancora in vita. Il tempo qui sembra essersi fermato, sembra di vivere come nel romanzo dello scrittore statunitense, che qui visse per molti anni. Dopo questa indimenticabile esperienza, un tuffo nel mito e nella letteratura, torniamo in centro. La sera siamo invitati ad una cena con alcuni amici, persone che negli anni scorsi sono state in Italia come diplomatici e con cui abbiamo conservato una grande rapporto di stima e amicizia reciproca. Il tutto si svolge in casa di Helena e Josè Luis, una coppia nostra amica da vecchia data. Helena, oltre ad essere una bravissima cuoca, (indimenticabile l'aragosta che ci ha preparato) è una delle colonne del Comitato di Difesa della Rivoluzione del suo quartiere, e in passato mi ha raccontato alcune vicende della sua vita. Ha partecipato, all'alba della Rivoluzione, nei primi anni sessanta, lei giovane studentessa alla campagna di alfabetizzazione del paese. Comunista convinta ha scritto anche su vari quotidiani. Adesso si diletta con la letteratura e la cucina e spera di tornare a visitare il nostro paese, in cui è stata, insieme a suo marito l'ultima volta nel 2013. La serata si conclude con un brindisi a base di Ron, dedicato a Cuba, all'Italia e a questa simpatica compagnia, che spera di reincontrarsi e festeggiare ancora in futuro qui a Cuba o in Italia.


Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba Velletri