Sponsor

Le migliori attività commerciali e non solo di Velletri e dintorni:




venerdì 20 maggio 2016

Facciamo Experientia, dalle menti del “Torno Subito 2016”, un progetto per tutti che smussa le diversità.

Barche che affondano. Spiagge di uomini e derive. A volte si tratta di morti, altre di morte speranze. Noi siamo solo scogli da toccare, a cui aggrapparsi per non affondare. 

Ogni giorno, mentre consumiamo il nostro pasto quotidiano, le testate giornalistiche televisive (e non solo) ci mostrano gli occhi pieni, tremanti e affaticati di uomini, di donne e di bambini in preda alle loro aspettative di vita.
Occhi in fuga dagli sguardi severi della violenza. Noi siamo solo rifugi di emergenza in cui sentirsi salvi e al riparo. “Experientia” è un progetto figlio dell’integrazione, partorito da un’idea di Alessia Murgi che, per conto di “Torno Subito2016”, il bando della Regione Lazio volto a stimolare l’estro giovanile, è tornata a Velletri, dopo un semestre speso presso la “Queen’s University” di Belfast, per far fruttare la sua esperienza all’interno dell’Assessorato alle Politiche Sociali, al seguito dell’Assessore Giulia Ciafrei e dei due brillanti studenti di Scienze Politiche, Vittorio Valentini e Riccardo Caponi. “Experientia” è stato pensato come un percorso che, attraverso l’esperienza della diversità, porta al suo accoglimento e, conseguentemente, alla sua demistificazione. L’imperativo è quello della ricerca del senso: scavarci l’uno con l’altro e l’uno nell’altro, nella profondità delle nostre convinzioni, credenze e opinioni, porterà alla comprensione della molteplicità dei punti di vista esistenti. Tutto ciò sarà possibile attraverso l’organizzazione di workshop, laboratori, luoghi di incontro e di dialogo, dove, uniti in un unico grande micro-mondo, immigrati, rifugiati e cittadinanza locale potranno attingere alla diversità, ungersi e, così, congiungersi. Contaminarsi, quindi, facendo “Experientia” dell’altro. “Experientia”, lemma latino, madre dell’italiano “esperienza”, compone un acronimo che indica un preciso percorso conoscitivo : E come Esperienza che, contrastando la X come Xenofobia, la P come la Percezione del Pericolo, la E come l’Etnocentrismo, la R come Rifiuto della diversità, la I come Ignoranza, la E come Emarginazione, la N come Nazionalismo dilagante, la T come Terrore e Terrorismo, I come Intolleranza, conduce alla A come Accoglienza. “Experientia” significa sradicamento dall’ individualismo egoista mediante la condivisione di conoscenze, saperi, idee, produzioni culturali, intellettuali, creazioni, narrazioni, e così via. Per questo “Experientia” è anche reciprocità: è un invito bidirezionale alla donazione e alla ricezione. I due centri di accoglienza per rifugiati presenti sul nostro territorio, lo SPRAR (Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati) e il CAS (centro di accoglienza straordinaria), hanno scardinato e abbattuto le loro mura perimetrali per includerne l’intera cittadinanza: tutti noi, insieme, possiamo alleggerire il peso del limbo delle anime che li vivono, anime in attesa di ricostruzione e di ritrovamento, anime denudate di una casa. Il progetto prenderà avvio solo una volta che verranno collazionate sufficienti proposte da realizzare. Per questo motivo si invitano tutti i cittadini, immigrati, stranieri, autoctoni, a metterci la faccia e le idee e a schiaffeggiare le menti anestetizzate dal timore mediatico del diverso. Se vuoi partecipare, se vuoi esserci ed essere, invia le tue idee, riflessioni, opinioni entro il 31 Giugno 2016 al seguente indirizzo email experientia2016@hotmail.com e queste acquisiranno spessore, avranno un luogo, uno spazio e dureranno nel tempo. Svegliamoci. Incontriamoci. Facciamo “Experientia”

 Alessia Murgi