menù



Sponsor


martedì 26 aprile 2016

Brutta e meritata sconfitta per la serie A2 femminile.

3T Sporting Club - F&D Fortitudo Nuoto Domus Pinsa 9-5 (1-1, 4-1, 3-2, 3-1) 3T Sporting Club: Aquino, Ricciardelli A., Proietti, Arion, Bianchi, Ricciardelli C. 1, Cellucci, Fonticoli, Del Papa 1, Ferotti 3, Mandara 1, Kitanova, Rovetta 3. All. Casaburi. F&D H2O Velletri: Minopoli, Staffulani, Marinucci, De Marchis 1, Zenobi, Rosini, Antonacci M. 1, Clementi 2, D’Annibale, Ercoli, Antonacci C., Bagaglini 1, Mordacchini. All. Di Zazzo. Arbitro: Ibba Sequenza reti: 0-1, 1-1, 1-2, 5-2, 5-4, 8-4, 8-5, 9-5 


 Lo splendido impianto Zero9 di Roma questa volta non porta fortuna al team gialloblù veliterno.

L’ultimo appuntamento nella vasca del Torrino aveva regalato un preziosissimo successo sulle attuali terze in classifica del Racing Roma. Lo stesso non si può dire della gara odierna. La F&D H2O Fortitudo Velletri esce con le ossa rotte e, per di più meritatamente, dal confronto con le “cugine” del 3T Sporting Club. Laddove finiscono i demeriti della squadra di Di Zazzo, iniziano, infatti, i meriti delle oggi padroni di casa biancoverdi, che hanno sfoderato una prestazione maiuscola, capitalizzando al meglio ogni occasione concessa dalla difesa ospite e che le hanno permesso di portare a casa 3 punti d’oro in quella che è ancora una lunghissima cavalcata verso la permanenza in serie A2. Dopo un sostanziale equilibrio nei primi 8 minuti di gioco con le veliterne avanti con una bella rete di Clementi pareggiata da una conclusione dalla distanza di Rovetta, è stato il secondo parziale a indirizzare l’inerzia dell’incontro verso la panchina gestita da mister Casaburi. De Marchis ha riportato il Velletri avanti in superiorità numerica ma il vantaggio è stato breve e, soprattutto, l’ultimo dell’incontro per le ospiti. Il 3T ha giocato bene e con grinta e in 5’ di gioco ha fatto segnare un parziale di 4 reti a zero, che ha portato le squadre al riposo lungo sul punteggio di 5-2. Un + 3 in favore del 3T che ha di fatto aperto una forbice che le la squadra di Di Zazzo non è più riuscita a ricucire. Lo stesso Di Zazzo, vista la situazione complicata, ha provato a mischiare le carte per rientrare in partita. E la scelta di giocare zona M alla ripresa del gioco è stata parzialmente un successo. Il nuoto e le ripartenze rapide di Clementi e compagne hanno fruttato due reti che hanno rimesso le gialloblù alle costole delle padroni di casa. Ma le energie fisiche e mentali spese per tentare l’aggancio non sono state sufficienti a portare la zampata del pareggio e il forcing veliterno si è definitivamente spento quando Ferotti ha riportato le sue sul +2 con un tiro sul quale l’estremo difensore gialloblù Minopoli non è stata impeccabile, alla quale sono seguite altre due splendide segnature, una di Rovetta, per lei la terza rete di giornata, e nuovamente di Ferotti che ha dato il massimo vantaggio di +4 al 3T. Ultimo tempo con pochi sussulti. Ormai la gara era compromessa e le padroni di casa si sono limitate a gestire portando così a casa un meritato successo. Il responsabile della F&D Fortitudo Perillo ha così commentato la partita: “Il 3T ha meritato la vittoria giocando una buona gara e, soprattutto, sfruttando con grande cinismo ogni occasione che abbiamo concesso per battere a rete. Noi abbiamo avuto un pizzico di sfortuna nel cogliere parecchi legni e nel “centrare” il loro estremo difensore in più di qualche deviazione da distanza ravvicinata ma, alla fine, il risultato credo sia giusto per quanto visto in acqua. La percentuale di 2 reti su 10 superiorità è un dato che da solo dice e commenta la nostra prestazione. Purtroppo questo è il bello e il brutto della nostra squadra, abbiamo un gruppo di giovani e questo comporta inevitabilmente una mancanza di continuità nelle nostre prestazioni. Non è affatto un dramma aver perso questa gara ma la sconfitta deve aiutarci a capire come dobbiamo approcciare alle partite e servire a farci le ossa”. Prossimo, delicatissimo, appuntamento domenica 1 Maggio quando nella piscina Tortuga di Velletri arriverà il Cosernuoto di Civitavecchia. Oggi le tirreniche hanno vinto un confronto importante contro il Flegreo e con 10 punti possono ancora giocare le loro carte per la permanenza in A2. Sicuramente verranno a Velletri a caccia di una vittoria che potrebbe rimetterle definitivamente in carreggiata per una clamorosa salvezza senza passare dai play-out. Vittoria che le ragazze di Civitavecchia hanno già assaporato nella gara di andata quando la Fortitudo giocò la peggiore partita della attuale stagione. Di certo la squadra di Di Zazzo oggi non è quella di un paio di mesi fa e la vasca di Velletri fino ad oggi è stata espugnata solo dal fortissimo Pescara. Gli ingredienti ci sono dunque tutti per una vera battaglia e, soprattutto, per una partita che potrebbe già segnare il destino di una delle due compagini.