menù



Sponsor


lunedì 1 febbraio 2016

Fortitudo Academy, pareggio meritato in casa della capolista Unipomezia

UNIPOMEZIA: Santi, Martino, Busti, Giovinazzo, De Santis,Chirico, Ricci, Pestrin, Laghigna, Valle, Princigalli. Panchina: Scalibastri, Borshi, Elezi, Cerro, Lupi, Barbarisi, Morelli. Allenatore: Mancini FORTITUDO ACADEMY: Protani, Rainone, Pieri, Quattrocchi, Di Fazio, Rulli, Del Prete, Sardini, Campagna, Terrazzino, Rossi. Panchina: Vetta, Cefola, Carbone, Santolini, Pistolesi, Fanni, D’Achille Allenatore: Rossi 


 Bella prestazione della squadra di Mister Maurizio Rossi che in trasferta senza nessun timore affronta la prima in classifica del girone.

I veliterni reduci da una sconfitta in casa subita in casa con il Podgora, affrontano l’Unipomezia Virtus abbastanza rimaneggiati tra squalifiche e infortuni. Mister Rossi rivoluzionando un pò i ruoli di alcuni giocatori mette in campo una squadra in grado di reggere il confronto con i più quotati avversari e il risultato finale ne è la prova. La gara inizia con una prima fase di studio, ma sin dalle prime battute si vede una Fortitudo Academy concentrata e attenta alle mosse degli avversari, facendo girare palla in modo fluido e coprendo ogni zona del campo, ed è al’8′ che Campagna suona un campanello d’allarme per gli avversari: il giocatore ben lanciato in area viene anticipato di un soffio dal portiere avversario in uscita. La squadra di casa costretta ad abbassarsi un pò per i primi 20 minuti si vede al 26esimo con Ricci, che raccoglie un passaggio di Pestrin sulla destra e si invola sulla fascia, lasciando partire un tiro tra stinco e collo del piede che genera una strana traiettoria del pallone e porta in vantaggio la squadra di casa. La Fortitudo non si disunisce e continua nel suo gioco fatto di qualità e intensità: al 28esimo c’è l’immediata reazione degli ospiti: bello scambio sulla trequarti tra Del Prete, Campagna e Terrazzino, quest’ultimo con un guizzo entra in area e fa fuori il suo diretto avversario facendo partire un gran tiro fatto di potenza e precisione ma il portiere avversario Santi effettua un vero e proprio miracolo per evitare il gol degli ospiti. Purtroppo nell’azione Terrazzino si fa male al ginocchio sinistro e viene sostituito da Santolini. Il secondo tempo inizia come il primo, la Fortitudo resta attenta alle mosse degli avversari e pronta a replicare colpo su colpo. Al 51esimo palla di Campagna per Sardini che dal limite dell’area fa partire un tiro che sfiora la traversa. Al 55esimo la squadra ospite resta in dieci uomini: Laghigna ben servito si infila nelle maglie difensive della Fortitudo bruciando sullo scatto i difensori, portandosi verso la porta avversaria, Protani esce e l’arbitro non ha dubbi sul fallo commesso e presenta il cartellino rosso per l’estremo difensore veliterno che si procura una distorsione al ginocchio e viene portato in ospedale per accertamenti. Mister Rossi è costretto a far entrare il secondo portiere Vetta e a ridisegnare l’assetto. Al 68esimo azione in area pometina, Rossi pressato dagli avversari tocca per Santolini che con prontezza tira, la palla prende il palo alla destra del portiere per poi oltrepassare la linea di porta 1 a 1. Al 75′ c’è la reazione dell’ Unipomezia, bella manovra a centrocampo per poi servire Laghigna, che supera il muro difensivo dei veliterni e tira con violenza, ma la palla colpisce il palo per poi terminare fuori. La Fortitudo tiene botta, e reagisce alle incursioni degli avversari che tentano ii modi di prendersi i tre punti in palio; all’ 86esimo Vetta che compie una grande parata, azione di Barbarisi per Lupi che da distanza ravvicinata tira ma Vetta compie uno strepitoso respingendo il tiro, la palla arriva a Morelli che però non è preciso nella ribattuta. Saltano i nervi agli avversari e Valle all’ 88′ viene mandato sotto la doccia per comportamento scorretto. Gli ultimi 7 minuti sono di inferno per gli uomini di Mister Rossi, gli avversari pressano i giocatori della Fortitudo in area creando diverse occasioni da gol con, Laghigna, Morelli e Pestrin ma Vetta effettua una serie di strepitosi interventi negando la vittoria all’Unipomezia.