menù



Sponsor


sabato 30 gennaio 2016

Velletri e la raccolta differenziata: manca ancora “sintonia”

La città di Velletri è ormai giunta quasi in ogni zona al nuovo ed ecologico metodo di smaltimento dei rifiuti; ovvero quello della raccolta differenziata. 

Questa, se fatta correttamente e da tutti i cittadini, avrà sull’ambiente un impatto positivo molto forte, in quanto permetterà di riciclare gran parte dei materiali, senza bisogno di sfruttare ulteriormente le risorse ambientali e senza quindi danneggiare in maniera irresponsabile l’intero pianeta Terra.
Tutti i Comuni quindi, senza eccezione per quello di Velletri, hanno pensato ad un modo nuovo di raccolta rifiuti, che forse andrà, con il passare del tempo, leggermente migliorato, ma che comunque, nel complesso, ha le carte in regola per poter funzionare. Nonostante gli sforzi del Comune e della Volsca Ambiente però, continuano ad arrivare in redazione lamentele riguardo al fatto che tanti cittadini non vedono rispettate le regole della differenziata. A detta di molti infatti, capita spesso di trovarsi davanti a rifiuti lasciati incivilmente fuori dai bidoni o comunque in contenitori sbagliati. Sorge il dubbio se questi episodi poco piacevoli per tutti, siano dovuti alla difficoltà oggettiva di alcuni di far fronte alle nuove regole di smaltimento dei rifiuti o alla poca buona volontà e ad un’assenza di senso civico e rispetto ambientale. Sicuramente, per molti, magari più anziani, la raccolta differenziata, almeno all’inizio può sembrare fin troppo complessa e difficile da portar avanti, quindi magari qualche piccolo errore nella differenziazione è ammissibile, ma proprio per fronteggiare a questo problema, sul sito della Volsca Ambiente è tutto spiegato nei dettagli e in maniera molto semplice (http://www.comune.velletri.rm.it/pagina1629_raccolta-differenziata.html), così che tutti possano, piano piano, imparare ad applicare la differenziata nella maniera più corretta possibile.
La speranza è quella che sempre più cittadini prendano atto dell’importanza di questa nuova tecnica di smaltimento dei rifiuti, che sicuramente si affinerà ulteriormente con il passare del tempo necessario affinché si possa appianare un piano, se non infallibile, quanto meno sempre più funzionante, di raccolta e smaltimento. Un piccolo sforzo da parte di tutti sarà decisivo per il futuro dell’ambiente e delle nuove generazioni.


Giorgia Rossetti