menù



Sponsor

giovedì 28 gennaio 2016

Carcere di Velletri: detenuto cerca di uccidersi con delle lenzuola

È il dirigente sindacale del SiPPe, Ciro Borrelli, ad annunciare la spiacevole notizia che segue. Un detenuto, di quarant’anni e di origine straniera, che si trova nel carcere di Velletri per scontare una pena di quattro anni per rapina e furto, nella mattinata di ieri ha tentato il suicidio.


L’uomo ha cercato di porre fine alla sua esistenza impiccandosi alle sbarre della propria cella con delle lenzuola attorcigliate, utilizzate come fossero una corda. Dopo i dovuti controlli medici, si è accertato che l’uomo non riporta lesioni serie e che quindi il pericolo è stato scampato.

Per la salvezza del detenuto si deve ringraziare il tempestivo intervento dell’agente della sezione che, con l’aiuto di un altro detenuto, ha soccorso l’uomo già agonizzante. Ciro Borrelli, nel riportare l’accaduto, ha tenuto a sottolineare che non è la prima volta che gli Agenti di Polizia Penitenziaria, salvano vite umane. Questo perché negli Agenti è forte il senso del dovere e il coraggio che li portano a lavorare con grande professionalità, autocontrollo e fermezza. Borrelli inoltre, ha spronato le autorità competenti a prendere atto che il carcere di Velletri arriva ad ospitare fino a 530 detenuti; troppi in confronto al numero esiguo di Agenti a disposizione. Urge quindi, a parer suo, una risposta quanto più tempestiva e concreta, per poter metter fine a tale problematica.


Giorgia Rossetti